Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

22 NOV
Almanacco
Registrati

Social network: come gestirli in vacanza

Famiglia In questo Canale:

Social network: come gestirli in vacanza

A proposito di:

Manca poco: la valigia è pronta, la casa è stata chiusa e i propri profili sui social network? Soprattutto quando si è lontani è sempre importante seguire comportamenti accorti per evitare brutte sorprese al rientro: ecco cosa fare per limitare i rischi

Le vacanze sono alle porte, le valigie sono pronte, la casa è chiusa… e i profili sociali su internet? Facebook, Twitter, Instagram sono solo alcuni dei social network che ci accompagnano anche durante le vacanze, quando gli animi si fanno più leggeri e si tende a sottovalutare ogni problema.

Ecco dunque alcuni suggerimenti per gestire al meglio la propria vetrina in rete, limitando i rischi per noi stessi e per i propri cari in poche e semplici mosse.

Accessi sempre protetti

Tutti i social network ci consentono di impostare le regole sulla privacy, al fine di monitorare degli accessi indesiderati ai nostri profili. Per monitorare costantemente la situazione è meglio, prima di partire, attivare tutte le impostazioni relative agli avvisi di accesso, per un profilo sociale a prova di malintenzionato.

Wi-fi pubblici: sono sicuri?

Connettersi al web tramite reti wi-fi gratuite, in mancanza di copertura della rete o per risparmiare traffico dati, può nascondere dei rischi. Infatti, se la connessione non è opportunamente protetta i malintenzionati potrebbero intrufolarsi su pc, smartphone e tablet e rubare informazioni e dati personali, come quelli delle carte di credito utilizzate per gli acquisti in rete.

Proprio per lo shopping online, quando si è in vacanza, è meglio limitare l'utilizzo di connessioni libere come quelle di bar, stabilimenti balneari, ristoranti, etc. La prudenza non è mai troppa: se non è possibile verificarne gli standard di sicurezza, meglio rimandare l'invio dei propri dati.

Foto delle vacanze: condividerle o no?

Chi resiste alla tentazione di condividere gli scatti più divertenti e romantici della propria vacanza lontano da casa sui principali social network, magari aggiungendo qualche dettaglio sulla località di villeggiatura, il nome dell’hotel o la compagnia? È sempre meglio riflettere in questi casi: mentre ci si sta divertendo e svagando, se i profili sociali sono aperti a tutti si rischia di dare informazioni fin troppo dettagliate a qualche malvivente, dandogli campo libero per mettere a segno un colpaccio nella propria casa: meglio riflettere.

I tag: sì o no?

Lo stesso vale per i tag: lasciarsi aggiungere nelle foto degli amici può mettere in mostra più informazioni del dovuto: meglio dunque impostare correttamente le regole di protezione dei profili internet, magari bloccando i tag automatici e lasciandoci il tempo necessario a scegliere se è il caso di mettere su piazza questi fondamentali dettagli. Ovviamente, questo vale anche a parti inverse: prima di assegnare dei tag, chiediamo sempre ai nostri amici se sono favorevoli, senza costringerli a ritrovarsi in immagini non di gradimento.

Bambini su internet: cosa fare?

Quando si parla di bambini la situazione si fa sempre più delicata: la voglia di condividere i primi passi sulla sabbia o il primo bagnetto in mare è tanta ma, con un profilo non ben protetto, il rischio che le foto possano arrivare in mano ai malintenzionati sono molte. Ecco perché diventa fondamentale prendere le giuste precauzioni, scegliendo accuratamente le foto per evitare che i piccoli una volta cresciuti possano avere il dente avvelenato con genitori e nonni o semplicemente possano essere l’oggetto di sguardi indiscreti.p

In particolare, se nelle foto compaiono bambini appartenenti ad altre famiglie, di amici o conoscenti così come sconosciuti, è sempre meglio ragionare così: "vorrei che mio figlio/nipote comparisse in rete?"; se la risposta è no, meglio oscurare il vostro del piccolo mentre, se si tratta di persone conosciute è sempre opportuno chiedere la loro opinione​.