Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

18 OTT
Almanacco
Registrati

Riconoscimento titoli di studio in Europa e Italia

Famiglia In questo Canale:

Riconoscimento titoli di studio in Europa e Italia

A proposito di:

I titoli di studio superiori conseguiti nei paesi europei e in Italia sono riconosciuti da tutti gli Stati firmatari della Convenzione di Lisbona, la quale stabilisce regole come il diritto di ciascuno a veder valutato il proprio titolo di studio e il bando di qualsiasi discriminazione

I titoli di studio superiori conseguiti nei paesi europei e in Italia sono riconosciuti da tutti gli Stati firmatari della Convenzione di Lisbona (11 Aprile 1997).

Nel testo della Convenzione vengono stabilite alcune regole generali. Tra queste rientra il diritto di ciascuno a veder valutato il proprio titolo di studio. Il divieto di qualsiasi discriminazione. Inoltre l'autorità che riconosce il titolo estero deve rendere noti i propri criteri di valutazione. E se in un determinato Paese un titolo di studio consente di accedere al sistema di istruzione superiore, lo stesso viene accettato anche dagli altri Stati come titolo valido per l'accesso ai rispettivi sistemi nazionali di istruzione superiore. Infine i Paesi firmatari devono riconoscersi reciprocamente i titoli accademici finali.

Inoltre il nostro Paese ha stipulato successivi accordi, denominati accordi governativi bilaterali, con Argentina, Australia, Austria, Ecuador, Francia, Germania, Ex-Jugoslavia, Malta, Messico, Regno Unito, Slovenia, S. Marino, Spagna, S. Sede e Svizzera. Gli accordi governativi bilaterali offrono la possibilità di usufruire di un’ulteriore garanzia da parte dei cittadini di entrambi i paesi firmatari.