Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

15 DIC
Almanacco
Registrati

Nonni: il rapporto con i nipoti se i genitori si lasciano

Famiglia In questo Canale:

Nonni: il rapporto con i nipoti se i genitori si lasciano

A proposito di:

Quando i figli si separano o divorziano, spesso anche i nonni sono costretti ad allontanarsi dai propri nipoti. Ecco come la legge italiana tutela la figura dei nonni e come comportarsi con i più piccoli

​Quando i genitori si separano o divorziano per i nonni possono emergere alcune gravose difficoltà: infatti, in molti casi, oltre a tagliare i ponti con l’ex consorte si taglia anche il filo invisibile che lega i nipoti a queste importanti figure del nucleo familiare.

Nonni e nipoti dopo il divorzio: cosa dice la legge

Secondo la legge italiana non esiste il cosiddetto “diritto di visita dei nonni” ma, a tutela dei minori, il giudice può decidere di preservare il rapporto tra le due parti nel caso in cui la rottura possa danneggiare la crescita del bambino, influendo sul suo sviluppo affettivo e psicologico.

La richiesta dei nonni di continuare a frequentare il piccolo, anche in caso di impedimento da parte dei genitori, può dunque trovare accoglimento se l’interruzione degli incontri va contro l’interesse del nipote che, dunque, potrebbe risentirne dal punto di vista psicologico. A stabilirlo è l’articolo 317 bis del Codice Civile, introdotto dal Decreto Legislativo 154/2013, il quale stabilisce che tutti gli ascendenti, quindi nonni ma anche zii etc., devono avere il diritto di mantene​re vivi i rapporti con i nipoti che non abbiano ancora raggiunto la maggiore età.

In caso di lontananza dai nipoti, i nonni possono anche avvalersi di strumenti tecnologici, come le videochiamate tramite programmi appositi o email, sms e altri applicativi che permettano di tenere viva la comunicazione nei tempi e nei modi stabiliti.

I nonni: come comportarsi con i nipoti

Durante tutto il percorso che va dalla separazione al divorzio e poi avanti nel tempo, i nonni devono costantemente rendersi conto della difficile situazione che stanno attraversando figli e nipoti. Rimanendo sempre un passo indietro, possono offrire il loro supporto ai più piccoli senza però lanciarsi in giudizi negativi, o addirittura denigratori, nei confronti del figlio o dell’altro genitore: l’influenza sui più piccoli è in molti casi estremamente notevole, meglio dunque non approfittarne lanciando anche involontariamente dei segnali errati anche solo con l’intento di rincuorare durante un momento così complesso.

Mostrandosi presenti durante le necessità, mantenendo un comportamento tranquillo e comprensivo, sempre senza esagerare soprattutto davanti ai capricci dei più piccoli, i nonni possono essere anche di aiuto ai genitori, rivelandosi in tutta la loro importanza.

Consapevoli delle difficoltà, i nonni possono anche fare riferimento a figure professionali, come psicologi e counselor familiari, per guidare in maniera più consapevole grandi e piccini, evitando che il momento doloroso della separazione e del divorzio possa diventare un vero e proprio trauma ma solo una difficile fase della vita che è possibile superare senza conseguenze.