Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

14 DIC
Almanacco
Registrati

Le poesie di Pasqua

Famiglia In questo Canale:

Le poesie di Pasqua

A proposito di:

poesie di pasqua
Anche alla Pasqua sono stati dedicati nei secoli alcuni interessanti e divertenti componimenti poetici. Ecco dunque una selezione completamente dedicata alla celebrazione della Resurrezione

​​​​​​Ecco la selezione di poesie di Pasqua più pazza del Web. Ce n'è per tutti i gusti: uno scrittore per bambini (Gianni Rodari, 1920-1980), un poeta crepuscolare (Guido Gozzano, 1883-1916), un grande romanziere dell'800 (Alessandro Manzoni, 1785-1873), un religioso poeta (Padre Davide Maria Turoldo, 1916-1992), un cantautore (Francesco Guccini, 1940).

Rodari  |  Gozzano  |  Manzoni  |  Turoldo  |  Guccini
Dall'uovo di Pasqua
(Gianni Rodari)

Dall'uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: "Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio".
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
"Viva la pace,
abbasso la guerra".

Rodari  |  Gozzano  |  Manzoni  |  Turoldo  |  Guccini  |  (torna su)
Pasqua
(Guido Gozzano)

A festoni la grigia parietaria
come una bimba gracile s'affaccia
ai muri della casa centenaria.
Il ciel di pioggia è tutto una minaccia
sul bosco triste, ché lo intrica il rovo
spietatamente, con tenaci braccia.
Quand'ecco dai pollai sereno e nuovo
il richiamo di Pasqua empie la terra
con l'antica pia favola dell'ovo.

Rodari  |  Gozzano  |  Manzoni  |  Turoldo  |  Guccini  |  (torna su)
Resurrezione
(Alessandro Manzoni)

È risorto: il capo santo
più non posa nel sudario
è risorto: dall'un canto
dell'avello solitario
sta il coperchio rovesciato:
come un forte inebbriato,
il Signor si risvegliò
Era l'alba; e molli il viso
Maddalena e l'altre donne
fean lamento in su l'Ucciso;
ecco tutta di Sionne
si commosse la pendice
e la scolta insultatrice
di spavento tramortì
Un estranio giovinetto
si posò sul monumento:
era folgore l'aspetto
era neve il vestimento:
alla mesta che 'l richiese
dié risposta quel cortese:
è risorto; non è qui.

Rodari  |  Gozzano  |  Manzoni  |  Turoldo  |  Guccini  |  (torna su)
Canta il sogno del mondo
(David Maria Turoldo)

Ama
saluta la gente
dona
perdona
ama ancora e saluta
(nessuno saluta
del condominio,
ma neppure per via)
Dai la mano
aiuta
comprendi
dimentica
e ricorda
solo il bene.
E del bene degli altri
godi e fai
godere.
Godi del nulla che hai
del poco che basta
giorno dopo giorno:
e pure quel poco
se, necessario
dividi.
E vai,
vai leggero.
dietro il vento
e il sole
e canta.
Vai di paese in paese
e saluta
saluta tutti
il nero, l'olivastro
e perfino il bianco.
Canta il sogno del mondo:
che tutti i paesi
si contendano
d'averti generato.

Rodari  |  Gozzano  |  Manzoni  |  Turoldo  |  Guccini  |  (torna su)
Venerdì santo
(Francesco Guccini)

Venerdì Santo, prima di sera, c'era l'odore di primavera;
Venerdì Santo, le chiese aperte mostrano in viola che Cristo è morto;
Venerdì Santo, piene d'incenso sono le vecchie strade del centro
o forse è polvere che in primavera sembra bruciare come la cera.

Venerdì Santo, stanchi di gente, siamo in un buio fatto di niente
Venerdì Santo, anche l'amore sembra languore di penitenza
Venerdì Santo, muore il Signore, tu muori amore fra le mie braccia,
poi viene sera resta soltanto dolce un ricordo: Venerdì Santo...

Venerdì Santo, prima di sera, c'era l'odore di primavera;
Venerdì Santo, le chiese aperte mostrano in viola che Cristo è morto;
Venerdì Santo, piene d'incenso sono le vecchie strade del centro
o forse è polvere che in primavera sembra bruciare come la cera.

Venerdì Santo, stanchi di gente, siamo in un buio fatto di niente
Venerdì Santo, anche l'amore sembra languore di penitenza
Venerdì Santo, muore il Signore, tu muori amore fra le mie braccia,
poi viene sera resta soltanto dolce un ricordo: Venerdì Santo..

Rodari  |  Gozzano  |  Manzoni  |  Turoldo  |  Guccini  |  (torna su)