Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

Giovani e internet: come navigare in sicurezza

Famiglia In questo Canale:

Giovani e internet: come navigare in sicurezza

A proposito di:

Bambini e adolescenti trascorrono sempre più tempo in rete e davanti allo schermo dello smartphone grazie ai servizi di messaggistica. Impariamo e insegnamo loro a difendersi dai rischi nascosti del web

​​​La navigazione sul web può essere una grande risorsa di informazioni, conoscenze e curiosità oltre a fungere da mezzo di comunicazione tra i suoi utilizzatori; tanti vantaggi, però, portano con essi anche alcuni pericoli, piccole e grandi trappole nelle quali possono cadere tutti, dai grandi ai più giovani. Proprio per la salvaguardia dei ragazzi che ogni giorno utilizzano la rete è di fondamentale importanza conoscere al meglio le regole per l’utilizzo della rete, dando ai bambini e agli adolescenti la possibilità di vivere un’esperienza digitale maggiormente consapevole, utilizzando un linguaggio comprensibile per spiegare il mondo ricco ma complesso di internet.

Internet: i “porti sicuri” per i naviganti in erba

Se in rete sono a disposizione dei luoghi affidabili, come la chat www.azzurro.it/chat, servizi gratuiti e sicuri per vivere al meglio internet e helpline telefoniche e siti dedicati, quali Telefono Azzurro con la linea 1.96.96 attiva 24/7 e il servizio “Clicca e segnala” o www.stop-it.it creato da Save the Children, certo è che quando si va in avanscoperta i rischi di cadere nella rete sono molti e a volte anche ben nascosti.

Social network e messaggistica istantanea: come comportarsi

Attraenti per i più giovani grazie alla possibilità di comunicare con amici di tutto il mondo ma al contempo primaria fonte di pericoli, i social network e i sistemi di messaggistica possono fungere da porta aperta ai malintenzionati; purtroppo, non troppo di rado capita che sconosciuti provino a contattare gli utilizzatori più piccoli, cercando di estorcere dati personali e informazioni private, anche fingendosi di essere “amici degli amici”.

Il pericolo, però, non è rappresentato solo da Facebook, Twitter o altri network sociali in grado di mettere in contatto i giovani con persone sconosciute ma è fatto anche di applicazioni di ogni tipo che, da telefonino e in pochi tap del dito, gettano le fondamenta per nuove amicizie, purtroppo però non sempre affidabili.​ Quando arrivano richieste da sconosciuti, chiamate e messaggi in chat o altri tentativi di comunicazione è quasi sempre meglio, soprattutto se non si è in compagnia di un adulto in grado di riconoscere una situazione di rischio così dallo schermo dello smartphone quanto davanti a quello di un computer, evitare di diffondere i propri dati personali a partire dal proprio cognome; sebbene vi sia la possibilità di trovare dall'altra parte una persona onesta, è sempre meglio non sfidare la sorte.

Generazioni Connesse: arrivano i SuperErrori

​​È proprio per aiutare genitori, nonni e insegnanti che Generazioni Connesse, il Safer internet Centre co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Safer Internet per il biennio 2012 – 2014 e gestito in Italia dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in collaborazione (MIUR) con Telefono Azzurro e Save the Children Italia, Ministero dell’Interno – Ufficio di Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Autorità Garante per l’infanzia e l’Adolescenza, la Cooperativa E.D.I. ed il Movimento di Difesa del Cittadino (MDC),​ ha lanciato “I Supererrori. Le regole del supernavigante”, la campagna trasmessa sui principali canali televisivi, come il circuito Sky e Tgcom24, e sul web, sui siti del network MTV e H3G.

Protagonisti sono sette supereroi, divertenti e dai nomi ironici che ricordano i personaggi dei fumetti e alcuni dei termini più comuni dell’era di internet e dei social network: Chat Woman, l'Incredibile Url, l'Uomo Taggo, la Ragazza Visibile, Silver Selfie, Tempestata e Il Postatore Nero. Ai sette video creati ad hoc si unisce anche un sito web, www.generazioniconnesse.it, che permette a tutti gli interessati di ogni fascia d’età di conoscere meglio l’attività del Sic, scaricare materiale utile sulle attività e i servizi del centro e conoscere meglio le metodologie per comprendere e spiegare il comportamento corretto da mantenere in rete.

Ecco uno dei simpatici e divertenti​ video della campagna lanciata da Generazioni Connesse: