Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

Festa dei nonni: poesie e canzoni da dedicare

Famiglia In questo Canale:

Festa dei nonni: poesie e canzoni da dedicare

A proposito di:

Per la festa dei nonni, ricorrenza che ogni anno si celebra il 2 ottobre, ecco alcune poesie, canzoni e componimenti che ricordano l'importanza della figura più cara già dalla primissima infanzia

​​​​Per la festa dei nonni, celebrazione che cade il 2 ottobre ovvero nella data che trae origine dalla giornata in cui la chiesa ricorda gli angeli custodi, sono molti gli omaggi del mondo della letteratura e della canzone da poter leggere e dedicare alle figure che ci riportano alla mente il calore e la dolcezza dell'età dell'infanzia.

Ecco alcuni dei componimenti, poesie e canzoni più belle e profonde sul tema dei nonni, da leggere con i più piccoli e da dedicare alle colonne in carne ed ossa della famiglia.​

Vincenzo Giandomenico
O' nonno

Avisse arapì ll'uocchie, oj mamma mia!
Vita passata mia .... pare nu suonno!
Aiere cu' ​'e guagliune 'nmiez'a via,
oggie nu viecchio e otto vote nonno
Io quanno parlo 'e Te mamma mia cara
ritorno n'ata vota piccerillo
e dint'o suonno quanno Tu m'appare
veco ca Tu faie 'a nonna all'angiulille

Io quanno stongo 'nmiez' a sti nepute
oj mamma t"e vulesso fà vedè
so accussì belle e nu' ll'he cunusciute,
comme vurrio ca stisse 'nziem'a mmè

P"a casa songhe otto palummielle!
Pe n'attimo nun trovene arricietto
ll'urdimo nato me fà o' cianciusiello
quann'o pàzzeo ruciulea p"o lietto

Pe mmè so comm'a tante pazzielle
e spisso tutte 'nzieme pazziamme
m'ha ditto aiere 'o chiù strappuliatielle:
O no', ma pure tu tenive 'a mamma?

Io nun l'aggiu risposto, m'ha guardato
e tale e quale comm' ' a dduje cumpagne
cu' 'e ddoje braccelle forte m'abbracciato
e pò m'ha ditto: O no', ma pecchè chiagne !?

Anna Maria Strina
Nonno, pupo e l'aquilone

Un vecchio s'aranchella cor bastone
in mezzo a un prato, accosto a un innocente
che fissa l'occhi ar celo e allegramente
slonga un filo che regge un aquilone.
Nonno, che cià ner còre 'n'affrizzione,
lo segue co tutt'antro ne la mente.
E pupo che te fa? Improvvisamente
molla la presa, poi co convinzione,

scansannose dall'occhi un riccio biondo
inzegna l'aquilone e a bruciapelo
dice, guardanno co un soriso er nonno:

"Quello l'ho usato come cartolina.
Ciò scritto sopra: a l'Angeli der cèlo,
tanti bacioni a nonna Carolina".

Walt Whitman

Per cogliere il ritmo supremo dei canti...
per scoprire i mutevoli toni delicati d'amore...
per veramente intenderli..., la facoltà più acuta, il prezzo d'ingresso:
la vecchiaia e quanto essa reca dalle
passate esperienze.

Francesco Guccini
Il Vecchio e il Bambino

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera;
la polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera...
L' immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l'occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d' intorno non c'era nessuno:
solo il tetro contorno di torri di fumo...
I due camminavano, il giorno cadeva,
il vecchio parlava e piano piangeva:
con l' anima assente, con gli occhi bagnati,
seguiva il ricordo di miti passati...

I vecchi subiscon le ingiurie degli anni,
non sanno distinguere il vero dai sogni,
i vecchi non sanno, nel loro pensiero,
distinguer nei sogni il falso dal vero...

E il vecchio diceva, guardando lontano:
"Immagina questo coperto di grano,
immagina i frutti e immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori

e in questa pianura, fin dove si perde,
crescevano gli alberi e tutto era verde,
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell' uomo e delle stagioni..."

Il bimbo ristette, lo sguardo era triste,
e gli occhi guardavano cose mai viste
e poi disse al vecchio con voce sognante:
"Mi piaccion le fiabe, raccontane altre!"

Alexander Throckmorton dall'Antologia di Spoon River

In giove​ntù le mie ali erano forti e instancabili,
ma non conoscevo le montagne
In vecchiaia conoscevo le montagne,
ma le mie ali stanche non potevano seguire
i miei occhi.
Genio è sapienza e gioventù.

V. Loveling
La nonna

La nonna aveva nella sua stanza appeso
il ritratto di quando era bambina:
sorriso al labbro, azzurri occhi profondi e ricci biondi.
Guardavan quel ritratto i ragazzetti
e l'un diceva all' altro: «Oh, quella bella
fanciulla chi sia mai? Fanciulla, vuoi giocare con noi?»
La vecchia con gli occhiali e con la cuffia
levò lo sguardo dalla sua poltrona:
«Chi sia mai? non giocate, o bimbi miei, sempre con lei?».

Po-Chu-i


Verso i capelli bianchi sospinge inesorabile
Oggi da me se ne vanno i quaranta
Di questi miei anni potrei esser contento
D'ora in avanti nel lucente specchio
Non farò caso alla neve che imbianca.

Wu Ti


Gli anni di giovinezza - Come son pochi!
La vecchiaia che viene - com'è sicura!

Trilussa

L'onestà de mi' nonna

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po' se troveno l'amante...
Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito!

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
che je voleva fa' lo spasimante
je disse: V'arigalo 'sto brillante
se venite a pijavvelo in un sito.

Un'antra, ar posto suo, come succede,
j'avrebbe detto subbito:
So' pronta.
Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;

anzi je disse: Stattene lontano...
Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,

ancora ce se mozzica le mano!

Catalfano

(ospite di una casa di riposo, 94 anni)​

Le tue foglie hanno un suono diverso
Non capivo come mai
Nelle foglie in quella stagione
Ci fosse come un fruscio
E alla minima cosa
Cadevano a terra
E io ascoltavo
E ne raccoglievo qualcuna.

Cinese del I sec. a. C.


Salì sul monte per cogliere erbe selvatiche;
scese dal monte e incontrò l'antico marito.
S'inginocchiò e chiese all'antico marito:
"Come la trovi la tua moglie nuova?"
"La moglie nuova, benché parli bene,
non sa incantarmi come quella vecchia.
Come bellezza è difficile scegliere
Ma per l'utilità son ben diverse...
Vedo che il nuovo perde a gareggiar col vecchio.

Giovanni Pascoli

La nonna

Tra tutti quei riccioli al vento,
tra tutti quei biondi corimbi,
sembrava, quel capo d'argento,
dicesse col tremito, bimbi,
sì... piccoli, sì...
E i bimbi cercavano in festa,
talora, con grido giulivo,
le tremule mani e la testa
che avevano solo di vivo
quel povero sì.
Sì, solo; sì, sempre, dal canto
del fuoco, dall'umile trono;
sì, per ogni scoppio di pianto,
per ogni preghiera: perdono,
sì... voglio, sì... sì!
Sì, pure al lettino del bimbo
malato... La Morte guardava,
La Morte presente in un nimbo...
La tremula testa dell'ava
diceva sì! sì!
Sì, sempre; sì, solo; le notti
lunghissime, altissime! Nera
moveva, ai lamenti interrotti,
la Morte da un angolo... C'era
quel tremulo sì,
quel sì, presso il letto... E sì, prese
la nonna, la prese, lasciandole
vivere il bimbo. Si tese
quel capo in un brivido blando,
nell'ultimo sì.

Gabriele D'Annunzio

La nonna

D'inverno ti mettevi una cuffietta
coi nastri bianchi come il tuo visino,
e facevi ogni sera la calzetta,
seduta al lume accanto al tavolino.
lo imparavo la storia sacra in fretta
e poi m'accoccolavo a te vicino,
per sentir narrar la favoletta
del Drago azzurro e del Guerrin Meschino.
E quando il sonno proprio mi vincea
m'accompagnavi fino alla mia stanza,
e m'addormivi al suono dei tuoi baci.
Allora agli occhi chiusi m'arridea
di fantasime splendide e fugaci
in mezzo ai fiori, una gioconda danza.

Walt Whitman


Gioventù, ampia, lussureggiante, amorosa.
Gioventù piena di grazia, di fascino, di vigore,
lo sai che la vecchiaia può succedere a te
con grazia uguale, fascino e uguale vigore?

Martino Graziano

N​onna

Dolcissima vita e polverosa
tesa fra il grano
e il sentirsi sazia
Respiro il vapore tiepido della tua febbre
che calda placa e abbraccia il tempo
Se fossi ancora capace di respirare
e a tutto fosse ridato un principio
giuro…
lo stesso numero di volte
ti farei soffrire il mondo
e godere il cielo.

Francesco Petrarca

Movesi il vecchierel canuto e stanco
del dolce loco ov'ha sua età fornita,
e da la famigliuola sbigottita
che vede il caro padre venir manc
indi, traendo poi l'antiquo fianco
per l'estreme giornate di sua vita,
quanto più po' col buon voler s'aita,
rotto da gli anni e dal camino stanco;
e viene a Roma, seguendo 'l desio,
per mirar la sembianza di Colui
ch'ancor lassù nel ciel veder spera.
Così, lasso!, talor vo cercand'io,
donna, quanto è possibile, in altrui
la desiata vostra forma vera.