Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

22 OTT
Almanacco
Registrati

Comunione o separazione legale dei beni?

Famiglia In questo Canale:

Comunione o separazione legale dei beni?

A proposito di:

Una coppia sposata può trovarsi in un regime patrimoniale di comunione o di separazione dei beni. Ognuno dei due regimi ha i propri specifici vantaggi e svantaggi, che è opportuno valutare attentamente prima di fare il grande passo

​Una coppia sposata può trovarsi in un regime patrimoniale di comunione o separazione dei beni. A coloro che si sposano, viene automaticamente applicato il regime della comunione dei beni, salvo chi invece dichiara espressamente, in sede di matrimonio, di scegliere la separazione dei beni. In ogni caso, è possibile cambiare idea dopo il matrimonio. Vediamo di cosa si tratta in entrambi i casi.

La comunione dei beni

La comunione dei beni è il regime legale previsto dal codice civile, nel caso in cui non vi sia stata una scelta diversa da parte dei coniugi (articolo 159). La comunione dei beni rappresenta il sistema privilegiato dal legislatore, in quanto, nella pratica, realizza una parità dei coniugi, consentendo loro una gestione e una titolarità comune del patrimonio familiare.

La comunione dei beni si applica automaticamente, nel momento della stipulazione del matrimonio, oppure successivamente, a richiesta dei due coniugi.

Questi sono i beni che rientrano nella comunione:

  • tutti i beni acquistati durante il matrimonio dai due coniugi, anche separatamente;
  • le aziende costituite dopo il matrimonio e gestite da entrambi i coniugi;
  • il reddito di un'attività separata dei coniugi;
  • il reddito di un bene proprio di uno dei coniugi (ad esempio il canone di locazione di un appartamento comprato prima del matrimonio da uno dei coniugi);
  • il reddito di un'azienda costituita prima del matrimonio ma gestita da entrambi i coniugi.

Questi sono invece i beni che non rientrano nella comunione:

  • tutti i beni acquistati prima del matrimonio da uno dei due coniugi;
  • i beni che vengono ereditati o acquistati per donazione da uno dei due coniugi durante il matrimonio;
  • tutti i beni personali (gioielli, indumenti, libri...);
  • tutti i beni che servono all'esercizio della professione di uno dei due coniugi (è necessario dimostrare in tal caso un rapporto diretto ed obiettivo con l'attività);
  • risarcimento di danni patrimoniali e non;
  • pensione corrisposta per la perdita totale o parziale della capacità lavo
  • rativa;
  • vendita dei beni che non erano precedentemente di comproprietà dei due coniugi (articolo 179 del codice civile).
La separazione dei beni

La separazione dei beni contempla un regime patrimoniale diverso, e si ha quando ciascuno dei coniugi è il solo proprietario dei beni acquistati durante il matrimonio. Egli ha quindi il diritto di goderli e amministrarli, salvo naturalmente l'obbligo di contribuire ai bisogni della famiglia, in relazione alle proprie sostanze e capacità di lavoro.

La separazione dei beni può essere chiesta senza alcuna spesa, al momento della celebrazione del matrimonio, oppure in seguito, rivolgendosi a un notaio. Deve però sussistere il consenso di entrambi i coniugi. Il notaio provvede a trascrivere l'intervenuta separazione dei beni a margine dell'atto di matrimonio (tale trascrizione è molto importante nei confronti dei terzi).

Se il passaggio dalla comunione alla separazione dei beni è richiesto solo da uno dei due coniugi, occorre rivolgersi al tribunale. La legge contempla diversi motivi di scioglimento della comunione, che può avvenire (articolo 193 codice civile) in caso di: interdizione, inabilitazione, cattiva amministrazione del patrimonio da parte di uno dei coniugi, sperpero e disordine nella gestione degli affari.