Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

14 DIC
Almanacco
Registrati

Gli assegni familiari

Famiglia In questo Canale:

Gli assegni familiari

A proposito di:

Gli assegni familiari costituiscono una forma di sostegno economico per le famiglie con basso reddito di alcune categorie di lavoratori autonomi, da non confondere con gli "assegni per il nucleo famigliare", che sono invece riservati ai lavoratori dipendenti

​​Gli assegni familiari propriamente detti sono un sostegno economico per le famiglie con basso reddito di alcune categorie di lavoratori. Si distinguono dagli "assegni per il nucleo familiare", perché questi ultimi sono riservati ai lavoratori dipendenti. Hanno diritto agli assegni familiari i lavoratori autonomi del settore agricolo (coltivatori diretti, coloni, mezzadri), i pensionati da lavoro autonomo (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri).

L’importo degli assegni familiari, erogati dall’Inps, è di 10,21 euro al mese per ogni familiare a carico. Per i coltivatori diretti, coloni e mezzadri non pensionati, l’assegno è pari a 8,18 euro mensili.

L’erogazione degli assegni familiari prevede restrizioni, per quanto riguarda la composizione familiare ed i limiti di reddito:

  • i familiari vengono considerati a carico, e cioè non economicamente autosufficienti, se hanno redditi mensili non superiori a un determinato importo, aggiornato annualmente, che per l'anno 2012 (l'ultimo fissato dall'Inps) è stato fissato in 676,75 euro per il coniuge e per ciascun figlio o equiparato, oppure in 1.184,31 euro per due genitori;
  • i familiari per i quali possono essere richiesti gli assegni sono: il coniuge, i figli (legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti) minori o maggiorenni se inabili al lavoro; i figli maggiorenni fino a 21 anni, se studenti delle scuole superiori o apprendisti e fino a 26 anni se studenti universitari; i fratelli, le sorelle ed i nipoti;
  • il limite di reddito varia secondo la tipologia delle famiglie: se regolare, se presente una persona vedova, separata, divorziata, non sposata, o se presente una persona invalida. Tutte le tabelle sono presenti sul sito dell’Inps.

La domanda per gli assegni familiari va fatta alla sede territoriale dell’Inps, compilando l'apposito modulo ed allegando i documenti indicati sul modulo stesso.

Un'altro contributo per le famiglie con fligli, diverso dall'assegno familiare e con esso cumulabile, è l'assegno per i nuclei familiari con tre figli minori, concesso dai Comuni ed erogato dall'Inps.