Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

Mare e montagna a misura d'anziano

Consumatori In questo Canale:

Mare e montagna a misura d'anziano

A proposito di:

camminare in montagna
Le persone anziane hanno diritto ad andare in vacanza come tutti gli altri, se possono permetterselo. Ma serve qualche accortezza in più, per non sottoporre l'organismo a inutili quanto dannosi stress. I nostri consigli per non strafare, al mare come in montagna

​​Le persone anziane spesso scelgono di andare in vacanza al mare o in montagna, per evitare di soffrire il caldo estivo in città.

Ecco alcuni consigli utili e accortezze da seguire, per evitare spiacevoli inconvenienti.

Vacanze al mare
  • Scegliete i mesi meno caldi: maggio-giugno, oppure settembre-ottobre.
  • Evitate di uscire di casa nelle ore più calde, preferendo il mattino presto, oppure il tramonto.
  • Fate attenzione alla disidratazione. A tal fine, è opportuno programmare a priori i momenti della giornata in cui bere: la carenza di liquidi nell’organismo può infatti avvenire anche in assenza di sete.
Vacanze in montagna
  • Scegliete un luogo che non superi gli 800-1000 metri d’altezza, poiché l’organismo, a causa della ridotta presenza di ossigeno, ha più difficoltà ad adattarsi. A 1000 metri d’altezza, la pressione parziale di ossigeno nel sangue diminuisce del 10-15 per cento, provocando un aumento del battito cardiaco e una respirazione più rapida. Questa situazione può dare problemi a tutti gli anziani, in particolare ai cardiopatici.
  • Se intraprendete passeggiate in montagna, andate sempre in compagnia, mai da soli.
  • Proteggete gli occhi, la pelle e le labbra dai raggi del sole, usando i prodotti più adatti per il vostro organismo.
  • Fate conoscere i vostri spostame​nti a persone in contatto coi vostri familiari, perché molto spesso il cellulare in montagna non ha segnale sufficiente.