Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

18 OTT
Almanacco
Registrati

Leggere l'etichetta dei prodotti

Consumatori In questo Canale:

Leggere l'etichetta dei prodotti

A proposito di:

L’etichetta sui prodotti in commercio è una sorta di carta d’identità, sulla quale il produttore deve riportate tutte le informazioni richieste dalla legge, come il nome, il prezzo e il contenuto. Parte delle informazioni sono riportate nel codice a barre

​​L’etichetta dei prodotti rappresenta una carta d’identità, sulla quale vengono riportate tutte le informazioni dei prodotti come il nome, il prezzo e il contenuto. La legge numero 126 del 1991 sancisce le indicazioni che ciascuna etichetta deve riportare:

  • la denominazione legale o merceologica del prodotto;
  • il nome o ragione sociale o marchio e alla sede del produttore o importatore;
  • l'eventuale presenza di materiali o sostanze che possono arrecare danno all'uomo, alle cose o all'ambiente (ad esempio sostanze che possono provocare reazioni allergiche);
  • i materiali impiegati e i metodi di lavorazione, se siano determinanti per la qualità o le caratteristiche merceologiche del prodotto;
  • le istruzioni, le eventuali precauzioni e la destinazione d'uso, se utili per la sicurezza o l’utilizzo del prodotto.

Dall'8 maggio 2012, le etichette dei prodotti tessili devono contenere un numero maggiore di informazioni. Per adeguarsi al regolamento Ue 1007/2011, infatti, è diventata obbligatoria l'indicazione "Contiene parti non tessili di origine animale", nel caso in cui il capo non sia interamente composto da parti tessili, ma, appunto, contenga anche pelli, pellicce, piume ecc. Inoltre solo gli abiti composti da un'unica fibra possono riportare le diciture "100%", "tutto", "puro". Infine soltanto i produttori che utilizzano unicamente materiali vegetali si possono fregiare dell'etichetta "fur free".

Un altro strumento che consente di ottenere informazioni sui prodotti che acquistiamo è il codice a barre. Esso è composto da una serie di righe nere e da alcuni numeri posizionati al di sotto. Le prime due cifre indicano la nazionalità del produttore: l’Italia è contraddistinta dal numero 80. Le cinque cifre successive si riferiscono al nome dell’azienda, le altre cinque al codice del prodotto, l’ultimo numero è un codice di controllo.

Per qualsiasi contenzioso, il consumatore può fare riferimento al Codice del Consumo, che riunisce in un unico testo le disposizioni di 21 provvedimenti sintetizzando in 146 articoli il contenuto di 558 norme relative alla disciplina del consumo.