Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

La legge antifumo

Consumatori In questo Canale:

La legge antifumo

A proposito di:

In Italia è vietato fumare in uffici pubblici, ospedali e locali aperti al pubblico (pubblici e privati), compresi bar, ristoranti, luoghi di svago, palestre e centri sportivi, con le sole eccezioni dei locali riservati ai fumatori e in casa propria

​​​​​Nel nosto Paese è vietato fumare in uffici pubblici, ospedali e locali aperti al pubblico (pubblici e privati), compresi bar, ristoranti, luoghi di svago, palestre e centri sportivi, con le sole eccezioni dei locali riservati ai fumatori e in casa propria.

È quanto ha stabilito l'art. 51 della Legge n. 3 del 16 gennaio 2003, che tutela la salute dei non fumatori e prevede, tra l’altro, multe salate per i trasgressori. L’importo della sanzione cresce se si fuma in presenza di donne in gravidanza o di bambini fino a dodici anni.

Sono anche previste sanzioni anche per chi deve far rispettare il divieto e non compie il proprio dovere; anche in questo caso, gli importi si raddoppiano se sono presenti donne incinte o bambini. Sono chiamati a vigilare i titolari degli esercizi pubblici e il datore di lavoro. Quest’ultimo può delegare a terzi tale compito, in questo caso i nomi delle persone preposte vanno segnalate sull’apposito cartello di divieto di fumo.

Norme per i locali pubblici

La legge stabilisce che i ristoratori devono adibire ai non fumatori uno o più locali di superficie prevalente, rispetto alla superficie complessiva dell’esercizio, mentre non sono obbligati a destinare spazi attrezzati ai fumatori. Le eventuali violazioni devono essere riportate su un verbale da consegnare alla Polizia locale, che contenga il nominativo del trasgressore e la violazione. 

Le sale fumatori sono soggette a pesanti restrizioni: devono essere ventilate separatamente, con specifici valori circa il tasso di ricambio dell'aria. La pressione atmosferica, al loro interno, deve essere costantemente più bassa di quella delle sale adiacenti. Devono inoltre e​ssere munite di porte scorrevoli a chiusura automatica.

Approfondimento

Il fumo: un killer per la salute​​ (pdf)