Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

19 OTT
Almanacco
Registrati

Il certificato di proprietà digitale

Consumatori In questo Canale:

Il certificato di proprietà digitale

A proposito di:

Dal 5 ottobre 2015, il certificato di proprietà dei veicoli diventa digitale: consultabile direttamente su internet, contiene tutte le informazioni relative ai precedenti proprietari di automobili, motociclette, scooter e rimorchi

​​​​​​​​A partire dal 5 ottobre 2015 il certificato di proprietà diventa digitale: il documento cartaceo precedentemente rilasciato dal Pra relativo ai precedenti possessori del proprio veicolo di locomozione si trasforma in una chiave di accesso che permette di consultare in autonomia le informazioni, senza più richiedere l’apertura di pratiche all’Aci che fino alla fatidica data si è impegnata nella gestione delle pratiche relative agli automezzi.

L’operazione, derivante dalla parte della delega Pa legata alla legge 124/2015 in cui è prevista l’abolizione del Pra, è considerata il primo passo verso una futura unificazione del certificato di proprietà e il libretto di circolazione.

Il certificato di proprietà elettronico: come funziona

Il nuovo certificato di proprietà digitale è formato da un codice: grazie a questa sequenza alfanumerica, gli automobilisti e i motociclisti possono accedere a tutte le informazioni relative al passato della propria automobile direttamente su internet, collegandosi all’archivio del Pra.

In pochi click e comodamente da casa propria o in mobilità attraverso smartphone e tablet, i possessori di automobili, motociclette, scooter e rimorchi possono conoscere la burocrazia collegata al proprio veicolo.

I vantaggi del certificato di proprietà

La dematerializzazione del certificato di proprietà rappresenta un passo avanti per la Pubblica Amministrazione ma anche un notevole vantaggio per chi possiede un veicolo: infatti, oltre alla velocità di accesso al pregresso e al presente del proprio mezzo, è possibile dire addio a tutti i rischi derivanti da furto, smarrimento e deterioramento della carta di circolazione.

Non da meno è la riduzione, o meglio il totale azzeramento, delle possibilità di incorrere in truffe derivanti dalla manomissione o falsificazione del documento in fase di compravendita di veicoli usati: ogni dettaglio del mezzo rimane costantemente visibile e consultabile con un semplice accesso alla rete.