Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

13 DIC
Almanacco
Registrati

L'estratto conto

Consumatori In questo Canale:

L'estratto conto

A proposito di:

Guida alla lettura dell'estratto conto, il documento in cui vengono riportate tutte le operazioni effettuate sul conto corrente e nel quale il saldo finale indicato deve sempre coincidere con quanto risulta dalla contabilità personale tenuta dal correntista

L'estratto conto è il documento in cui vengono riportate tutte le operazioni effettuate sul conto corrente. Il saldo finale indicato deve sempre coincidere (o discostarsi solo per le spese di commissioni e varie) con quanto risulta dalla contabilità personale tenuta dal correntista. La scelta della periodicità dell'estratto conto è a discrezione del cliente e può essere annuale, semestrale, trimestrale, mensile.

Al 31 dicembre di ogni anno vengono calcolati:

  • all’attivo, gli interessi maturati nell'anno a favore dell'utente;
  • al passivo, la ritenuta fiscale sugli interessi attivi; le spese per le operazioni avvenute nell'anno; le spese di amministrazione (o di chiusura) del conto; gli eventuali interessi debitori, se il saldo è sceso anche per un solo giorno sotto lo zero.

Le informazioni riportate sull'estratto conto riguardano: il saldo iniziale e finale del periodo preso in considerazione; il tipo di operazioni effettuate e le eventuali commissioni previste per ciascuna; le spese di tenuta conto; gli interessi creditori, cioè gli interessi maturati a favore del correntista sulla somma depositata; i giorni di valuta relativi a ciascun movimento; se il conto è andato "in rosso", gli interessi debitori sullo scoperto, cioè sull'importo anticipato dalla banca per coprire i prelievi effettuati oltre il proprio margine di saldo; l'eventuale commissione di massimo scoperto.

Il riepilogo competenze

Una delle parti più difficili da interpretare riguarda il "riepilogo delle competenze", un quadro di sintesi che mostra il bilancio finale di quanto è dovuto al cliente (o dal cliente), tenendo conto di: interessi a credito o interessi attivi (quelli maturati dal cliente col suo deposito sul conto); interessi a debito o interessi passivi (quelli dovuti dal cliente in caso di scoperto); commissioni; spese.

Per il calcolo degli interessi - sia a debito, sia a credito - nel corso dell'anno, si fa riferimento al riassunto scalare, una tabella che riporta i conteggi dei soldi presenti nel conto giorno dopo giorno, col tasso (che di solito varia, nel corso dell'anno) applicato in quel periodo e il calcolo del relativo interesse maturato. Agli interessi attivi lordi, viene sottratto il 27 per cento di imposta, ottenendo così gli interessi attivi netti.

L'imposta di bollo

La legge prevede un'imposta di bollo che si applica agli estratti conto bancari e postali inviati alle persone fisiche, oltre che ai rendiconti dei libretti di risparmio bancari e postali. Bisogna pagarla solo se il valore medio di giacenza annuo risultante dagli estratti e dai libretti è complessivamente superiore a 5 mila euro. Il suo ammontare è di 34,20 euro l'anno, eventualmente suddiviso tra gli invii periodici dell'estratto conto.