Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

I disabili e il viaggio in aereo

Consumatori In questo Canale:

I disabili e il viaggio in aereo

Le compagnie aeree non solo non possono rifiutare un imbarco per motivi di disabilità o mobilità ridotta, ma di solito offrono anzi servizi speciali per garantire ai loro clienti disabili il più sicuro e confortevole dei voli

Le compagnie aeree offrono servizi speciali per garantire ai loro clienti disabili il più sicuro e confortevole dei voli. Un regolamento europeo inoltre, dal 2008, impedisce alle compagnie di rifiutare un imbarco per motivi di disabilità o mobilità ridotta.

L’accoglienza in aeroporto

In alcuni aeroporti del nostro Paese, per esempio Roma Fiumicino, Torino e Milano Malpensa, sono attivi servizi di informazione e assistenza. Si tratta delle Sale amiche, in cui sono a disposizione: televisori, nursery, giochi per bambini, telefoni per non udenti, toilette prive di barriere architettoniche, giornali e riviste anche in Braille, poltrone speciali. In tutti gli altri aeroporti italiani, il punto di riferimento per i disabili è il check-in dell’aeroporto di partenza.

Sedia a rotelle in aeroporto e in volo

In diversi aeromobili sono disponibili poltrone lato corridoio, con il bracciolo ribaltabile, che permettono al cliente disabile di sedersi e spostarsi più agevolmente. La compagnia mette a disposizione una sedia a ruote di bordo per un agevole spostamento all’interno della cabina. Il passeggero disabile che abbia una propria sedia a ruote può imbarcarla gratuitamente al check-in come bagaglio registrato. A richiesta, se vi è spazio, la sedia può essere trasportata anche in cabina.

Ossigeno terapia e barella a bordo

Il servizio, previsto solo su alcuni aerei, va prenotato almeno 48 ore prima della partenza e prevede il pagamento di un supplemento. In alcuni casi, è obbligatoria la presenza di un accompagnatore che provveda alle necessità personali dell’assistito durante tutte le fasi del viaggio.

Cani guida

I cani guida per passeggeri non vedenti possono viaggiare in stiva con un’apposita cuccia oppure, compatibilmente con la disponibilità di spazio, in cabina purché muniti di museruola e guinzaglio. Il trasporto dei cani guida è gratuito e non è soggetto a limiti di peso dell’animale. Il passeggero dovrà richiedere la disponibilità di spazio per il suo cane al momento della prenotazione del volo e dovrà inoltre provvedere al necessario equipaggiamento per il viaggio dell’animale (museruola, cuccia, altro).

Pranzo a bordo

In alcuni casi, se i viaggiatori hanno specifiche esigenze dietetiche possono prenotare pasti speciali, disponibili su tutti i voli internazionali che durino almeno 3 ore. In questo caso è necessario segnalare queste esigenze al momento della prenotazione o entro 24 ore dalla partenza.

Tutti i clienti che necessitano di assistenze speciali devono compilare e consegnare al check-in non prima di 7 giorni dalla partenza il Medical Information Form (Medif), che rappresenta il nullaosta sanitario.

Il decreto legislativo numero 24 del 24 febbraio 2009 delinea gli obblighi per i gestori degli aeroporti e per le compagnie aeree. Oltre al divieto di rifiutare l’imbarco o la prenotazione di un volo per motivi di disabilità o ridotta mobilità, ecco in sintesi, le disposizioni più importanti:

  • le informazioni per i passeggeri disabili devono avere un formato accessibile, sia che si parli delle norme di sicurezza che di eventuali restrizioni al trasporto;
  • dopo la partenza, occorre informare i gestori dell’aeroporto di destinazione della presenza di una persona con disabilità a bordo e dell’assistenza necessaria all’arrivo;
  • le informazioni nei terminal devono essere chiare per i disabili e ogni aereo deve avere personale idoneo a fornire assistenza, inoltre tutti gli aeroporti con un transito annuo di passeggeri superiore a 150 mila devono scegliere e rendere le pubbliche le norme di qualitò per l’assistenza.