Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

I diritti di chi viaggia in treno

Consumatori In questo Canale:

I diritti di chi viaggia in treno

I principali casi di disservizi che si possono verificare nel corso di viaggi in treno, per i quali si ha diritto al rimborso parziale o totale del biglietto

​​​​Può capitare, quando si viaggia in treno, che si verifichino dei disservizi, per i quali si ha diritto al rimborso del biglietto. Vediamo di seguito i principali casi, secondo le informazioni fornite dal Codacons.

Ritardi

Nel caso un treno Eurostar arrivi nella stazione per la quale è stato rilasciato il biglietto, con un ritardo ufficialmente registrato superiore a 25 minuti, il viaggiatore ha diritto ad un bonus di importo pari al 50 per cento del biglietto. Il bonus è utilizzabile entro sei mesi dalla data di emissione per l’acquisto di un altro titolo di viaggio, senza diritto al resto.

Nel caso di Intercity diurni o Eurocity (per la parte relativa al percorso nazionale), il ritardo deve essere di 30 minuti (60 minuti per Intercity notte ed Espresso) ed il bonus è pari al 30 per cento per prezzo del biglietto, comprensivo della prenotazione. 

Per richiedere il bonus, è necessario presentarsi direttamente alla biglietteria della stazione d’arrivo e consegnare il biglietto di viaggio. Il rimborso, ove possibile, viene erogato subito. Altrimenti, si hanno 30 giorni di tempo (fa fede il timbro postale) per spedire il biglietto originale con i propri estremi (nome e indirizzo), possibilmente nell’apposita busta disponibile presso le biglietterie e gli uffici informazione delle stazioni. È opportuno annotarsi gli estremi del viaggio e, nel caso di spedizione, conservarsi una fotocopia del biglietto: sarà utile in caso di contestazioni o di smarrimento della pratica.

Il bonus dovrebbe essere inviato a domicilio entro 15 giorni (30 per Intercity ed Eurocity) dalla presentazione della richiesta. Il diritto al rimborso viene meno se il ritardo dipende da: causa di forza maggiore, lavori programmati in linea (purché resi noti alla clientela); scioperi (fino a 3 ore successive alla fine dello sciopero proclamato); fatto determinato da terzi avente riflessi sulla circolazione; occupazione dei binari da parte di estranei alla ferrovia; incendi; calamità naturali (allagamenti, smottamenti, ecc.) o in conseguenza di un ordine dell’Autorità Pubblica.

Aria condizionata non funzionante

Nel caso in cui l’impianto di climatizzazione sia totalmente non funzionante e non risulti possibile assegnare il posto in un’altra vettura di classe pari o superiore, si ha diritto al bonus (50 per cento del biglietto per treno Eurostar e 30 per cento per Intercity). Il rimborso viene rilasciato a condizione che, sul biglietto, sia riportata l’annotazione da parte del personale del treno circa il mancato funzionamento della climatizzazione nella vettura. Nel caso di mancato funzionamento dell’aria condizionata e contemporaneo arrivo in ritardo, viene rilasciato un solo bonus.

Rimborso totale

Il viaggiatore può domandare il rimborso totale del prezzo pagato quando il treno è soppresso, la partenza è ritardata di almeno un'ora, non ci sono posti disponibili nella classe per la quale il biglietto è valido o se decide di rinunciare al viaggio.

Nei primi tre casi, la richiesta deve essere fatta prima della scadenza del biglietto, presso la stazione in cui si è verificato l’impedimento al viaggio ed il rimborso è totale.

In caso di rinuncia del viaggiatore, alla somma da corrispondere viene dedotto il 20 per cento, a meno che, al posto del denaro, si accetti un bonus, valido sei mesi, per l’acquisto di un altro biglietto. La richiesta può essere fatta presso qualsiasi biglietteria abilitata, o all’agenzia che ha emesso il biglietto, entro il periodo di utilizzazione o entro i limiti di validità (due mesi dalla data di emissione) e comunque prima della convalida del biglietto stesso. È consentito tuttavia il rimborso del biglietto convalidato, a condizione che la domanda venga presentata alla biglietteria della stazione di partenza entro 30 minuti dal momento della convalida.

Per i treni Eurostar, nell’ipotesi di rinuncia, è possibile chiedere il rimborso fino a 24 ore dopo la partenza, con una trattenuta però del 50 per cento sull’importo del biglietto. In alternativa, si può chiedere un cambio data, pagando un sovrapprezzo di tre euro. In ogni caso, non si dà luogo al rimborso se la somma da corrispondere è di importo pari o inferiore a 8 euro a viaggiatore. Niente da fare anche per i biglietti smarriti, distrutti o rubati.