Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

19 NOV
Almanacco
Registrati

Condizionatori d'aria: guida all'utilizzo

Consumatori In questo Canale:

Condizionatori d'aria: guida all'utilizzo

A proposito di:

Utilizzare i condizionatori d'aria per molti è ancora un ostacolo: ecco come fare per evitare sprechi e godere al meglio di tutti i benefici che possono portare durante l'estate e non solo
  • ​​​​​​​ Arriva il caldo e, con esso, il desiderio di un po’ di fresco durante la permanenza in casa. Di giorno o di notte, poter contare su una boccata d’aria lontano dalla calura estiva è per molti un taboo, causato anche da​lla paura di spendere installando un condizionatore d’aria.

    Non tutti infatti sanno che, attraverso un utilizzo consapevole e alcuni piccoli accorgimenti, è possibile godere dell’utilizzo del condizionatore senza problemi per la salute e, soprattutto, senza far piangere il portafoglio.

  • Quando si è alle prese con la scelta di un condizionatore d’aria, per prima cosa bisogna pensare a dove si ha intenzione di utilizzarlo, in quali stanze e se si vuole avere la possibilità di spostarlo da un ambiente all’altro o evitare di avere un ingombro preferendo i modelli a parete.

    Se questi ultimi, fissi al muro, possono sembrare meno vantaggiosi a causa dell’impossibilità di essere utilizzati in più ambienti, è possibile far ricadere la scelta su quelli portatili. Pratici, soprattutto se non si ha la possibilità di installare il motore all’esterno dell’appartamento, i condizionatori d’aria portatili necessitano però di un piccolo spazio, con relativo ingombro, e di un passaggio per il tubo dell’areazione da praticare o sul vetro della finestra o tenendolo incastrato tra le ante verso l’esterno.

  • La maggior parte dei nuovi modelli di condizionatore d’aria è stata progettata attraverso sistemi in grado di ridurre notevolmente i consumi energetici e l’impatto ambientale. Ciò può essere facilmente riscontrato leggendo la categoria energetica che viene mostrata sul modello quando ci si trova nei negozi specializzati e nei grandi centri dedicati all’elettronica o ai grandi elettrodomestici.

    In particolare, i condizionatori a inverter permettono di ridurre notevolmente i consumi rispetto ai vecchi condizionatori. Per questo, è consigliabile scegliere questa tecnologia, sia se si è alle prese con la scelta di un nuovo apparecchio, sia che si pensa di sostituire un modello vecchio.

  • Indipendentemente dal modello scelto, i criteri per evitare inutili sprechi sono semplici ma di fondamentale importanza, ovvero:


    • tenere le finestre chiuse, evitando dispersioni di aria fresca
    • separare gli ambienti, chiudendo quelli in cui non si risiede al momento (meglio raffreddare solo quelli in cui ci si trova, evitando inutili sprechi)
    • evitare di tenere accesi i fornelli o il forno (per arrivare alla temperatura impostata sul condizionatore o mantenerla bisogna consumare maggiore energia)
    • ​impostare temperature troppo basse (non rilevando la temperatura impostata, il condizionatore continua a essere in funzione senza mai andare in stand by)
  • Tra i modelli disponibili, è consigliabile scegliere quelli con la funzione di deumidificatore. Infatti, oltre ad avere una maggiore scelta tra le funzionalità a disposizione, tale impostazione consente di agire direttamente sulla percentuale di umidità nell’ambiente senza limitarsi ad abbassare la temperatura.

    Il fastidio che spesso viene percepito insieme al caldo è proprio quello dell’umidità, ovvero la sensazione di pelle umida che tende ad aderire alle superfici con le quali viene in contatto. Con questo espediente, invece, è possibile eliminare rapidamente il fastidio senza essere costretti ad abbassare vertiginosamente la temperatura con un notevole risparmio.

  • Anche la salute può risentire di uno scorretto utilizzo del condizionatore d’aria sebbene, con le giuste accortezze, è possibile evitarle sfruttando solamente gli aspetti positivi di questo prezioso elettrodomestico.

    A partire dalla temperatura, la principale attenzione da porre è quella di non scendere mai sotto i 25 gradi: non solo si incapperebbe in maggiori consumi ma si mettere l’organismo in una situazione di disagio che potrebbe portare a malesseri, mal di testa, problemi digestivi e addirittura febbre nei soggetti più sensibili. Lo stesso potrebbe capitare transitando da un ambiente raffreddato a uno più caldo o viceversa: meglio dunque evitare.

    Per quanto piacevole, sottostare al getto di aria fredda può portare a simili conseguenze: meglio evitarlo di giorno e, soprattutto, di notte quando la temperatura corporea subisce un calo fisiologico in relazione con il rallentamento delle funzionalità dell’organismo.

  • I condizionatori, in particolare - ma non solo - quelli in grado di produrre anche aria calda, necessitano di anno in anno di manutenzione. Oltre alla verifica del corretto funzionamento, da effettuare possibilmente prima dell’inizio della stagione calda quando un’eventuale riparazione o sostituzione non è vincolata ai tempi più lunghi dovuti alla maggiore richiesta di manodopera, è fondamentale la pulizia dei filtri dell’aria.

    Semplice e descritta in ogni manuale d’uso, tale operazione è indispensabile per evitare eventuali infezioni dell’apparato respiratorio: le conseguenze, in caso di contaminazione di batteri come quelli della legionellosi, possono essere particolarmente gravi; meglio dunque agire per tempo.

  • Non meno importante, quando si effettua la scelta di installare un condizionatore d’aria, è la possibilità di risparmiare attraverso le detrazioni fiscali. Attualmente è in vigore una detrazione relativa al risparmio energetico, pari al 65 per cento; per poterne usufruire, i requisiti sono:


    • è necessario installare un condizionatore in sostituzione di un impianto vecchio
    • il sistema installato deve essere ad alta efficienza
    ​​
  • Per effettuare il test devi avere effettuato l'accesso a Intrage: