Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

15 DIC
Almanacco
Registrati

Neve e freddo, il sole brucia lo stesso

Consumatori In questo Canale:

Neve e freddo, il sole brucia lo stesso

A proposito di:

occhiali da sole sulla neve
Anche d'inverno il sole può danneggiare la pelle e gli occhi, per via dell'effetto riflettente della neve. Meglio dunque attrezzarsi con occhiali da sole e creme protettive, da mettere in valigia prima di partire

​​​​​L’alta quota, la poca umidità, la neve, il ghiaccio: sono i componenti della vita di montagna che, a fine giornata, possono rendere il viso rosso, caldo, ustionato.

I fattori principali responsabili di eventuali scottature sono la neve ed il ghiaccio, che riflettono i raggi solari. A causa del riverbero, la pelle è doppiamente esposta ai raggi, poiché riceve sia quelli dell'atmosfera, sia quelli riflessi dalla neve. La neve fresca, bianca e pulita, può riflettere fino all'88 per cento dei raggi ultravioletti, ma anche la neve più vecchia e sporca ne rimanda nell'atmosfera fino alla metà.

L'​atmosfera rarefatta dell'alta quota, inoltre, aggrava il fenomeno: il sole è più vicino alla terra e i suoi raggi devono attraversare meno nuvole e meno aria. Così, la quantità di raggi che arrivano sulla superficie terrestre aumenta del 4 per cento per ogni 300 metri di altitudine.

I pericoli per gli occhi

In inverno, le parti del corpo più in pericolo sono gli occhi. Nei paesi in cui la neve cade abbondantemente si parla addirittura di cecità da neve: i raggi ultravioletti, aiutati dalle piccole particelle di neve presenti nell’aria, colpiscono direttamente gli occhi e bruciano la cornea, la lente presente nell'occhio che ci permette di vedere. Dolore, lacrimazione eccessiva e momenti di cecità sono i sintomi principali, ma il danno generalmente non è permanente e guarisce nell’arco di una settimana.

Il rimedio più efficace per proteggere gli occhi dai raggi solari è l’uso di occhiali protettivi, ma con lenti che blocchino efficacemente l’ingresso delle radiazioni ultraviolette, assorbendo il 100 per cento dei raggi UV e fino al 96 per cento dei raggi violetto-blu. Scegliendo gli occhiali, è importante verificare la presenza del marchio CE, che certifica la sua fabbricazione secondo regole stabilite dall’Unione Europea. Con il marchio, l’Unione ha voluto tutelare il consumatore contro il commercio di occhiali da sole contraffatti, che non assicurano una protezione efficace.

Anche le labbra soffrono: essendo le parti più esposte al freddo, al vento ed al sole, si disidratano più facilmente. Le labbra screpolate sono il segnale di questo processo in corso, che può essere evitato utilizzando una crema idratante.