Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

14 DIC
Almanacco
Registrati

Il riscaldamento autonomo

Casa In questo Canale:

Il riscaldamento autonomo

A proposito di:

Per molti è la soluzione più economica ed efficiente per scaldare la casa, ma bisogna imparare a farsene carico, con una buna manutenzione scandita nel tempo

Un impianto autonomo sicuro ed efficiente necessita di una manutenzione costante, secondo le prescrizioni di legge. Le operazioni da effettuare (da parte di personale abilitato), per la conservazione dell'impianto, possono essere così riassunte:

  • prova di tenuta dell'impianto a gas;
  • pulizia dello scambiatore acqua-fumi lato fumi, dei bruciatore, della fiammella pilota, dell'estrattore;
  • verifica della pompa;
  • verifica e registrazione degli elementi di regolazione e di accensione;
  • verifica della portata termica e della combustione della caldaia ed eventuale regolazione dell'efficienza dello scambiatore relativo all'acqua ed eventuale pulizia;
  • verifica degli anodi e degli accessori forniti dalla casa costruttrice per gli apparecchi ad accumulo;
  • verifica del tiraggio del canale fumi (canna fumaria) a caldaia accesa;
  • controllo dei dispositivo di sicurezza quali termostati, pressostati, termocoppie, dispositivo antiriflusso dei gas combusti, ecc.;
  • verifica della combustione, della tenuta dei minimi e del raccordo flessibile dei fornelli della cucina e controllo del funzionamento dell'eventuale forno a gas e del termostato;
  • verifica dell'esistenza delle aperture di aerazione.
Controlli periodici

I controlli sugli impianti devono essere effettuati periodicamente. La normativa in vigore definisce i tempi minimi della manutenzione, che variano in base alla potenza delle caldaie e all'anzianità dell’impianto. Ecco di seguito le scadenze da rispettare.

Interventi di manutenzione delle caldaie
Caldaie di potenza inferiore a 35 Kw e di anzianità superiore a 8 anniOgni quattro anni
Scaldabagni a fiamma aperta;
caldaie di potenza inferiore a 35Kw e di anzianità superiore a 8 anni
Ogni due anni
Caldaie di potenza da 35 Kw a 350 KwOgni anno
Caldaie di potenza uguale o maggiore a 350 KwOgni anno, più un controllo a metà del periodo di riscaldamento