Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Rinegoziare un mutuo

Casa In questo Canale:

Rinegoziare un mutuo

A proposito di:

Un mutuo sottoscritto per l'acquisto di una casa può essere rinegoziato, per quanto riguarda tutti i suoi aspetti: il tasso, la durata, le garanzie. La rinegoziazione non è mai obbligatoria e dipende dalla volontà comune delle parti, ma anche dal sussistere di determinate condizioni

​Il mutuo può essere rinegoziato. Se avete stipulato un mutuo, a tasso fisso o variabile, prima del 1997 potete verificare l’applicabilità della legge sull’usura, aggiornandovi sui tassi usurari in vigore, e accertandovi che la Banca abbia aggiornato il tasso come stabilito. Da settembre 2010, inoltre, è possibile portare anche la surroga da un istituto di credito all'altro.  

La rinegoziazione può investire tutti gli aspetti del mutuo: il tasso, la durata, le garanzie. È bene ricordare, comunque, che la rinegoziazione, modificando un contratto in essere, non è mai obbligatoria​ e dipende dalla volontà comune delle parti. Una volta firmato il nuovo contratto, gli istituti di credito non possono più modificare unilateralmente i tassi d'interesse. Lo ha stabilito la Riforma del Credito al Consumo in vigore da settembre 2010. Questa relativa flessibilità dei mutui, comunque, è dimostrata anche dalla possibilità di:

  • accendere più mutui per lo stesso acquisto;
  • accendere un mutuo più vantaggioso per pagarne uno già acceso;
  • accendere accanto al mutuo principale per l’acquisto, un altro per ulteriori spese come una ristrutturazione.

Nei casi appena descritti parliamo di mutuo integrativo. Di seguito le condizioni necessarie per accedervi. Inoltre, secondo il "Decreto sviluppo" (varato il 5 maggio 2011), fino al 31 dicembre 2012, le banche sono obbligate ad accettare la richiesta di passare dal tasso variabile a quello fisso, per mutui fino a 150 mila euro. Ma il mutuatario, oltre ad essere in regola con le rate, deve avere un reddito basso: al massimo 30 mila euro di Isee.