Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Quanto costa un mutuo? Un esempio pratico

Casa In questo Canale:

Quanto costa un mutuo? Un esempio pratico

A proposito di:

Prima di affrontare l'acquisto di una casa sottoscrivendo un mutuo, è bene farsi una panoramica completa di tutti i soldi che bisogna comunque versare di tasca propria e di cui bisogna già disporre, indipendentemente dalle intenzioni della banca

​La banca, con il mutuo erogato, coprirà l’80 per cento del valore della casa. Il che vuol dire che prima del rogito dovrete recuperare i soldi necessari per pagare il 20 per cento rimanente, le spese notarili e d’intermediazione e ogni altra spesa necessaria per la raccolta dei documenti. Vediamo insieme qualche numero, anche per farci un’idea della nostra capacità di spesa.

Supponiamo di voler acquistare un’abitazione (prima casa) del valore di 150.000 euro. La banca può erogare un mutuo di 120.000 euro, cui vanno sottratti i costi dell’istruttoria e dell’assicurazione richiesta dall’istituto di credito. Se avete bisogno che la banca paghi esattamente l’80 per cento dell’immobile, allora dovrete risparmiare il 20 per cento più il costo delle polizze e delle spese bancarie (queste spese variano in base al prodotto assicurativo e alla banca, in media l’investimento si aggira sui 10-15 mila euro). Scegliendo un tasso fisso per venticinque anni al 4,9 per cento, dovrete pagare una rata mensile (al netto delle spese assicurative) di 695 euro. Siccome la rata sarà costante per tutta la durata del mutuo, indipendentemente dalla variazione dei tassi, dovrete dimostrare che l’importo calcolato non supera il 35-40 per cento del vostro reddito, ovvero che guadagnate mensilmente almeno 1986 euro. Dal punto di vista fiscale, si potrà detrarre il 19% degli interessi passivi del mutuo, ottenendo, in questo caso, una riduzione di imposta pari a circa 687 euro annui.

Riassumendo, per una casa del valore di 150.000 euro, potete ottenere un mutuo di 120.000 euro e scegliendo il tasso fisso dell’esempio, avrete una rata mensile di 695 euro. Restano da pagare il prezzo restante della casa (30.000 euro nell’esempio), la parcella notarile, il bonifico per il perito della banca e le spese d’istruttoria. Il costo della perizia si aggira tra i 200 e i 300 euro e la perizia è necessaria per la delibera del mutuo. L’onorario del notaio si aggira sui 2.500-3.000 euro, cui si aggiungono le imposte da pagare per l’acquisto della casa. Il che vuol dire che al vostro notaio di fiducia pagherete circa 6-7.000 euro, tutto compreso. Il finanziamento dovrà essere richiesto con anticipo, poiché i tempi di erogazione variano dai 20 ai 60 giorni. Nel conteggio finale devono essere inserite anche le spese per la richiesta dei documenti anagrafici e catastali (una cinquantina di euro) e le spese per la registrazione del compromesso (in alcuni casi facoltativo ma sempre molto utile). In buona sostanza, il mutuatario ideale è quello che, alla richiesta del finanziamento ha risparmiato almeno 38 mila euro.