Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

13 DIC
Almanacco
Registrati

La mediazione obbligatoria

Casa In questo Canale:

La mediazione obbligatoria

A proposito di:

Le controverse civili o commerciali possono essere risolte mediante la 'mediazione civile' tra le parti coinvolte, anziché rivolgersi all'avvocato per intraprendere una causa civile. La mediazione è un'attività di conciliazione svolta da un terzo imparziale, il 'mediatore '

La legge prevede che, a partire dal 21 marzo 2011, in caso di lite civile o commerciale, le parti coinvolte - anziché rivolgersi all'avvocato per intraprendere una causa civile - siano obbligate a tentare la strada dell'accordo amichevole, tramite la mediazione civile.

Tale obbligo è però stato abrogato, a seguito della sentenza del 24 ottobre 2012 della Corte costituzionale, che ha dichiarato illegittimo il Decreto legislativo n. 28 del 2010.

La mediazione è un'attività di conciliazione svolta da un terzo imparziale - il "mediatore" - finalizzata ad assistere due o più soggetti, sia nella ricerca di un accordo amichevole, per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la sua risoluzione. Ma a differenza del giudice, il mediatore non ha il potere di emettere giudizi o decisioni vincolanti per le parti.

La mediazione si svolge presso enti pubblici o privati, a scelta della parte interessata, tra quelli iscritti in un apposito Registro tenuto presso il Ministero della giustizia (v. link a fondo pagina).

La mediazione può essere: facoltativa, quando è scelta dalle parti; demandata, quando il giudice, cui le parti si siano già rivolte, invita le stesse a tentare la mediazione; obbligatoria, quando per poter procedere davanti al giudice, le parti debbono aver prima tentato, senza successo, la mediazione.

Casi in cui la mediazione era obbligatoria prima della sentenza

La mediazione è stata obbligatoria, fino alla sentenza della Consulta, nei casi di controversie in materia di:

  • diritti reali (distanze nelle costruzioni, usufrutto e servitù di passaggio ecc.)
  • divisione;
  • successioni ereditarie;
  • patti di famiglia;
  • locazione;
  • comodato;
  • affitto di aziende;
  • risarcimento danni da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari;
  • cause condominiali;
  • risarcimento danni da incidenti stradali.
Come si svolge la mediazione
  1. Le parti possono scegliere liberamente l’organismo a cui affidare la procedura, nell'ambito del Registro degli organismi di mediazione. L'elenco aggiornato si trova sul sito del Ministero della giustizia (v. link a fondo pagina).
  2. Per avviare la mediazione, è sufficiente inoltrare, all'organismo prescelto, l'apposita domanda, che, in genere, può essere effettuata anche direttamente on line.
  3. Una volta avviata la mediazione, il mediatore organizza uno o più incontri, mirati alla composizione amichevole della controversia.
  4. Se si raggiunge un accordo, quest'ultimo è "omologato" dal giudice e diventa esecutivo.
  5. Nel caso di mancato accordo, il mediatore può fare una proposta di risoluzione della lite, che le parti restano libere di accettare o meno.
  6. Se le parti non accettano, o se il "convenuto" non si presenta, e perciò la mediazione fallisce, è possibile proseguire con il giudizio ordinario.
I tempi

L'organismo di mediazione fissa il primo incontro entro 15 giorni dalla presentazione della domanda. Il tentativo di mediazione civile, nel suo complesso, ha una durata massima stabilita dalla legge di 4 mesi.

In caso di mancato accordo, i tempi medi della giustizia ordinaria sono: 2 anni e 4 mesi per il primo grado di giudizio, 3 anni per il secondo grado ed altri 3 anni per il giudizio in Cassazione.

I costi

Così come avviene per i tempi, anche i costi della procedura di mediazione civile sono certi e prestabiliti dalla legge. Essi sono proporzionali al valore della lite.

Al momento della domanda, le parti devono versare 40 euro per l'avvio del procedimento. Poi, in caso di ricorso ad organismi pubblici, le spese dovute da ciascuna parte sono indicate nella tabella che segue.

Valore della lite​ Sp​esa per ciascuna parte

Fino a € 1.00​​0

€ 65 ​​

da €1.001 a € ​​5.000

€130

da € 5.001 a € 10.000

€ 240

da € 10.001 a € 25.000

€ 360

da € 25.001 a € 50.000

€ 600

da € 50.001 a € 250.000

€ 1.000

da € 250.001 a € 500.000

€ 2.000

da € 500.001 a € 2.500.000

€ 3.800

da € 2.500.001 a € 5.000.000

€ 5.200

oltre € 5.000.000

€ 9.200

Se una delle due parti non si presenta al procedimento senza giustificato motivo, deve versare, come sanzione, una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio.

Gli organismi privati hanno invece un proprio tariffario, approvato dal Ministro della giustizia, ugualmente consultabile a priori dalle parti.