Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

21 LUG
Almanacco
Registrati

La casa ecologica

Casa In questo Canale:

La casa ecologica

A proposito di:

In una casa ecologica, l'inquinamento domestico è sempre al centro dell'attenzione: con alcuni accorgimenti, però, è possibile mantenere l'ambiente sano e pulito non solo dalla polvere ma anche da ciò che può dare fastidio alla salute

​​​L’inquinamento domestico ha origine dalle sostanze usate per dipingere le pareti, per stendere e fissare la moquette e, perfino, dalle colle usate per assemblare i mobili. Tutte queste sostanze, insieme a certi detergenti usati per la pulizia, rilasciano nell’ambiente essenze velenose a tutti gli effetti.

Ogni ambiente della casa può dare luogo a questo tipo di inquinamento, ad iniziare dalla cucina, dove dobbiamo sempre ricordarci di chiudere il gas appena finiamo di cuocere i pasti. La cucina è uno degli ambienti maggiormente vissuti e anche quello che ha un'alta concentrazione di inquinamento dovuta alle esalazioni dei fornelli durante la cottura. Per contrastarla efficacemente, i rimedi posssibili sono due:

  • cucinare con le finestre aperte o socchiuse per mantenere una ventilazione sicura;
  • avere una buona cappa aspirante che assorba i gas nocivi.

Quando arrediamo il soggiorno è opportuno non sovraccaricarlo di oggetti che producano campi magnetici. Ecco degli accorgimenti per prevenire l'inquinamento elettromagnetico di questa area della casa:

  • l'impianto elettrico deve essere a norma di legge. In fase di ristrutturazione è bene costruirlo con una conformazione a stella e non a cerchio per evitare la cosiddetta "gabbia di Faraday", ossia un circuito chiuso del campo elettrico;
  • è preferibile tenere tutti gli apparecchi elettrici, come la televisione, il phon, la radio e il personal computer, a distanza non ravvicinata;
  • per i rivestimenti dell'ambiente meglio scegliere tessuti semplici: sconsigliata la moquette, non solo per le colle utilizzate per fissarla al pavimento ma anche perché è un facile ricettacolo di polveri e di parassiti responsabili di tante allergie e disturbi respiratori.

Una particolare attenzione si deve riservare alla camera da letto, a rischio polvere e allergie. Ecco come:

  • nella camera da letto, è bene eliminare le fonti di campi elettrici e magnetici, responsabili di disturbi del sonno e di alterazioni del metabolismo;
  • spostiamo gli apparecchi elettrici, come radiosveglie e orologi, e allontaniamoli dal letto. La televisione è rigorosamente vietata;
  • per le tende e le tappezzerie evitiamo i materiali sintetici che attirano la polvere, preferendo lana e cotone;
  • il letto più sano e adatto al riposo è realizzato in legno naturale, sia per la struttura esterna che per la rete, con un materasso di lattice;
  • quando è possibile, teniamo gli armadi fuori dalla camera e ricordiamo sempre di non fumare a letto.

Il bagno, infine, è la sede per la nostra igiene personale, ma è anche il luogo in cui si fa spesso uso di detergenti e decalcificanti che possono risultare tossici. E’ bene dunque fare attenzione e non abusarne. I detergenti, disincrostanti e decalcificanti che vengono usati normalmente per pulire il bagno sono tossici.

Molti prodotti per la pulizia della casa emanano vapori di cloro che sono dannosi per i polmoni. In sostituzione, è meglio usare prodotti detergenti e disincrostanti naturali e biodegradabili, così si fa del bene anche all'ambiente. Infine, per sturare le tubature occluse, sono sempre validi i vecchi succhielli di gomma e le spirali di metallo.