Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

22 OTT
Almanacco
Registrati

Imu - Come si calcola

Casa In questo Canale:

Imu - Come si calcola

A proposito di:

Scopri quali sono i criteri da adottare per calcolare l'Imu su un immobile, tenendo conto della rivalutazione della rendita catastale e delle varie detrazioni

​​​​L'Imu (Imposta Municipale Unica) è la nuova tassa sulla casa che ha sostituito l'Ici, a partire dal 1 gennaio 2012.


Devono pagare l'Imu tutti i proprietari di immobili​, ad eccezione di coloro che usano l'immobile come abitazione principale, se quest'ultima non è di tipo signorile (categorie catastali A/1, A/8 e A/9).


La base per calcolare l'Imu è dato dalla rendita catastale (così come risulta dalla visura catastale), la quale va incrementata con una doppia rivalutazione:

  • del 5 per cento (già in vigore dal 1997);
  • di un ulteriore 60 per cento (in vigore dal 1 gennaio 2012).

Questa rendita catastale rivalutata va moltiplicata per cento, per ottenere il valore catastale dell'immobile.


Per calcolare l'Imu, bisogna poi applicare al valore catastale l'aliquota stabilita dal Comune nel quale è ubicato l'immobile:

  • per la prima casa, si parte dallo 0,4 per cento (aliquota ordinaria), che ciascun Comune può variare da un minimo di 0,2 ad un massimo di 0,6 per cento;
  • per le altre proprietà, si parte dallo 0,76 per cento (aliquota ordinaria), che ciascun Comune può variare da un minimo di 0,46 ad un massimo di 1,06 per cento.

Per le aree edificabili, l'aliquota dello 0,76 per cento si applica invece al valore di mercato al 1 gennaio dell'anno a cui si riferisce l'imposta.​


Detrazioni per l'abitazione principale​

All'Imu ordinaria (così come risulta dal calcolo sopra descritto) va sottratta una detrazione di 200 euro, se la casa è usata come abitazione principale e se quest'ultima è un'abitazione di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9). Le altre case sono esentate dalla tassa.


Non è invece più possibile effettuare la detrazione di 50 euro a figlio, entro i 26 anni di età, fino ad un massimo di 200 euro​.


Esempio di calcolo

Casa di categoria catastale A/1, di circa 100 metri quadrati, con rendita catastale non rivalutata di 945,11 euro, adibita come abitazione principale.​

  • Rendita catastale rivalutata del 5%: 945,11 + 5% = 992,37 
  • Rendita catastale rivalutata del 60%: 992,37 + 60% = 1.587,78
  • Valore catastale: 1.587,78 x 100 = 158.778
  • Imu: 0,4% di 158.778 = 635,11
  • Detrazione prima casa: 635,11 - 200,00 = 435,11 (importo dovuto)