Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

17 OTT
Almanacco
Registrati

Le imposte sull'acquisto della casa

Casa In questo Canale:

Le imposte sull'acquisto della casa

A proposito di:

L’acquisto della casa è soggetto al pagamento di diverse imposte: l'Iva o, in alternativa, l’imposta di registro; l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale. Tutto dipende dalla destinazione dell’immobile, ad esempio se si tratta di una prima casa, e da chi è soggetto venditore

​​​​​L’acquisto della casa è soggetto al pagamento di alcune imposte: l’IVA o in alternativa, l’imposta di registro, l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale. Tutto dipende dalla destinazione dell’immobile, ad esempio se si tratta di una prima casa, e dal soggetto venditore, ad esempio se è un privato, un’impresa costruttrice o un’altra impresa dedita alla compravendita immobiliare. Vediamo di seguito i casi possibili. 


Acquisto della "prima casa"

In questo caso, in base ai soggetti presenti nell’atto di compravendita, variano le imposte. Se a vendere è un privato le imposte da pagare sono:



  • Imposta di registro al 2 per cento (3 per cento fino al 31 dic 13);
  • Imposta ipotecaria fissa di 50 euro (168 euro fino al 31 dic 13);
  • Imposta catastale fissa di 50 euro (168 euro fino al 31 dic 13).

Se il venditore è un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) e i lavori dell’immobile sono stati completati da massimo 4 anni, si pagheranno:



  • Iva del 4 per cento,
  • Imposta di registro fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13);
  • Imposta ipotecaria fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13);
  • Imposta catastale fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13).

Se, infine, si acquista da un’impresa costruttrice che ha terminato i lavori da più di 4 anni, oppure se si acquista da un’impresa non costruttrice che si occupa soltanto della compravendita dell’immobile, allora le imposte da pagare sono:


  • Imposta di registro al 2 per cento (3 per cento fino al 31 dic 13);
  • Imposta ipotecaria fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13);
  • Imposta catastale fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13);
  • Si è esenti dal pagamento IVA.

Acquisto di una "seconda casa"

Le imposte da pagare cambiano se l’oggetto della compravendita è sempre un immobile per uso abitativo ma non si tratta di una prima casa. I casi sono due: si acquista da un privato, da un’impresa non costruttrice, da un’impresa costruttrice dopo 4 anni dalla fine dei lavori; oppure si compra da un’impresa costruttrice entro 4 anni. Nel primo caso si devono pagare:



  • Imposta di registro al 9 per cento (7 per cento fino al 31 dic 13);
  • Imposta ipotecaria fissa di 50 auro (2 per cento fino al 31 dic 13);
  • Imposta catastale fissa di 50 auro (1 per cento fino al 31 dic 13).

Se invece si acquista la seconda casa da un’impresa costruttrice entro i 4 anni dalla fine dei lavori, si dovranno pagare:



  • IVA del 10 per cento (20 per cento se è un immobile di lusso);
  • Imposta di registro fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13);
  • Imposta ipotecaria fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13);
  • Imposta catastale fissa di 200 euro (168 euro fino al 31 dic 13).

Qual è il valore su cui si calcolano le imposte

Le imposte (di registro, catastale e ipotecaria) si possono versare al notaio al momento della registrazione dell’atto di compravendita. Se l’acquirente è un privato le imposte si calcolano sul valore catastale dell’immobile. Se l’acquirente non è un privato oppure se la compravendita riguarda terreni, negozi e uffici, il calcolo delle imposte non tiene conto del valore catastale ma del prezzo dichiarato nell’atto d’acquisto. Il prezzo d’acquisto è anche la base del calcolo dell’IVA nei casi in cui debba essere pagata l’Imposta sul Valore Aggiunto. Se nell’atto di compravendita è riportato lesatto importo dell’acquisto, chi compra può chiedere esplicitamente al notaio che le imposte siano calcolate sul valore catastale e non sul prezzo pagato. In questo caso anche sulla parcella notarile deve essere applicato uno sconto del 30 per cento.