Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

18 OTT
Almanacco
Registrati

Il trasloco

Casa In questo Canale:

Il trasloco

A proposito di:

Cambiare casa è uno dei maggiori stress della vita, e per gli anziani può essere persino causa di shock. Perciò è molto importante organizzarsi al meglio

Organizzare un trasloco è sicuramente una cosa molto impegnativa e stressante. Una buona pianificazione di quello che c’è da fare prima e dopo aver cambiato casa, vi renderà tutto più facile e veloce. Se decidete di affidarvi ad una ditta specializzata è bene contattarla almeno un mese prima e farsi fare un preventivo. Molte aziende applicano degli sconti a chi prenota con un buon anticipo. In questo caso, verificate l’affidabilità della ditta. Se invece volete provvedere da soli al trasloco, ecco alcuni consigli utili per risparmiare tempo e fatica.

Prima del traloco
  • Procuratevi gli scatoloni di varie grandezze ed in numero sufficiente;
  • inscatolate se è possibile gli oggetti di ogni stanza separatamente e scrivete fuori dalla scatola a quale stanza appartengono;
  • mettete gli oggetti più pesanti nelle scatole più piccole per trasportarli con minor fatica;
  • gli oggetti particolarmente fragili vanno separati l’uno dall’altro con materiale antiurto e gli spazi vuoti devono essere riempiti con della carta;
  • preparate una scatola con le cose di primaria necessità e i documenti da tenere sempre a portata di mano;
  • solo dopo aver riempito tutti gli scatoloni pensate ai mobili;
  • procuratevi un mezzo di trasporto adatto al trasloco, che sia in grado di sostenere il peso degli oggetti da trasportare;
  • se non avete un furgone è consigliabile noleggiarlo.
Dopo il trasloco

Dopo aver traslocato è obbligatorio comunicare il nuovo indirizzo a:

  • Anagrafe. Se cambiate solo indirizzo, ma rimanete nello stesso Comune di residenza, dovete avvisare l’Ufficio anagrafe. Se vi trasferite in un altro Comune, dovete comunicarlo all’Ufficio anagrafe del nuovo Comune;
  • Acqua. Se vi trasferite in un condominio, in genere non dovete comunicare nulla: i contratti con l'Acquedotto infatti, spesso sono intestati al condominio;
  • Luce e gas. Dovete disdire i vecchi contratti e attivare i nuovi, ricordandovi di rilevare le letture dei contatori fino al giorno in cui andate via. Valutate l'opportunità di fare le cosiddette "volture" degli abbonamenti luce e gas.
  • Medico. Basta rivolgersi all'Azienda sanitaria locale (Asl) presentandosi con un certificato di residenza (va bene anche una autocertificazionee la tessera sanitaria per ottenere l'assegnazione di un nuovo medico;
  • Spazzatura. Bisogna recarsi all’ufficio delle tasse del Comune, ricordatevi di avvisare anche l'ufficio del Comune dove abitavate prima, altrimenti sarete costretti a pagare anche la tassa della vecchia residenza, la cancellazione infatti non è automatica;
  • Telefono. Rivolgetevi alla compagnia dei telefoni, se il prefisso telefonico non cambia potete conservare il vostro numero di telefono, senza attivare un nuovo contratto, ma trasferendo la linea nella nuova abitazione.