Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Le detrazioni sugli affitti

Casa In questo Canale:

Le detrazioni sugli affitti

A proposito di:

Il Fisco riconosce agli inquilini la possibilità di detrarre le spese per l'affitto. Ma solo a certe condizioni particolari e per alcune categorie di persone

​Il Fisco riconosce agli inquilini delle agevolazioni, sotto forma di detrazioni sulle spese sostenute per l'affitto. Le diverse detrazioni devono essere riferite solo al periodo dell'anno in cui ricorrono le condizioni richieste e non possono essere cumulate.

Inquilini a basso reddito

Ai titolari di un contratto di locazione concordato (anche detto "a canone convenzionale"), spetta una detrazione d'imposta pari a 300 euro, se hanno un reddito complessivo annuo inferiore a 15.493,71 euro, o pari a 150 euro, se il reddito è compreso tra 15.493,71 e 30.987,41 euro.

Per i giovani di età tra i 20 ed i 30 anni, la detrazione sale a 991,60 euro, sempre se il reddito complessivo è inferiore a 15.493,71 euro, e a condizione che la casa sia diversa dall'abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati. La detrazione spetta solo per i primi tre anni.

Contratti di locazione a canone convenzionato

Gli intestatari di contratti di locazione stipulati sulla base di accordi stipulati tra le associazioni locali dei proprietari e quelle degli inquilini ("contratti convenzionali") hanno diritto ad una detrazione d'imposta pari a 495,80 euro, se hanno un reddito complessivo annuo inferiore a 15.493,71 euro, o pari a 247,90 euro, se il reddito è compreso tra 15.493,71 e 30.987,41 euro.

Detrazione per trasferimento per motivi di lavoro

I lavoratori dipendenti che abbiano trasferito la propria residenza nel comune di lavoro o in un comune limitrofo, se il nuovo comune si trova ad almeno 100 chilometri di distanza dal precedente e comunque al di fuori della propria regione, hanno diritto ad una detrazione d'imposta pari a 991,60 euro, se hanno un reddito complessivo annuo inferiore a 15.493,71 euro, o pari a 495,80 euro, se il reddito è compreso tra 15.493,71 e 30.987,41 euro.

La residenza nel nuovo comune deve essere stata trasferita da non più di tre anni dalla richiesta della detrazione. Quest'ultima vale solo per i primi tre anni nella nuova residenza.

Contratti di locazione per studenti universitari

Gli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università ubicata in un comune diverso da quello di residenza, e da questo distante almeno 100 Km e ubicato in una provincia diversa, hanno diritto ad una detrazione d'imposta del 19 per cento, calcolabile su un importo non superiore a 2.633 euro.