Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Il condizionatore d'aria

Casa In questo Canale:

Il condizionatore d'aria

A proposito di:

Le famiglie italiane, sempre meno abituate a vivere all'aria aperta, adottano in misura crescente il condizionatore d'aria. Ecco i nostri consigli per l'acquisto e per capire se è veramente necessario

​​D'estate sempre più famiglie fanno ricorso ad un impianto di condizionamento. È però importante conoscerne sia i vantaggi, sia gli svantaggi, oltre che i corretti modi di utilizzo.

I vantaggi

Il condizionatore permette di abbassare sia la temperatura dell'aria che l'umidità relativa, migliorando il comfort estivo e riducendo i rischi di salute, specialmente per i soggetti anziani con patologie cardiovascolari.

La qualità dell'aria interna si mantiene buona, grazie al filtraggio, senza bisogno di dover aprire le finestre.

La possibilità di tenere chiuse le finestre consente l'isolamento acustico, specialmente in zone trafficate.

Gli svantaggi

Un'eccessiva refrigerazione dell'aria può comportare patologie della faringe e delle prime vie aeree, con mal di gola, tosse o raucedine. È anche frequente l'insorgere di dolori muscolari. Dopo mangiato, le basse temperature, con la loro azione vasocostrittrice, possono causare disturbi alla digestione e, in alcuni casi, perfino congestioni.

Il condizionamento degli ambienti provoca uno sbalzo di temperatura, quando si passa dall'interno all'esterno e viceversa, che può risultare particolarmente dannoso.

Infine il condizionatore d'aria consuma molta energia elettrica.

Consigli per un corretto utilizzo
  • Non abbassare eccessivamente la temperatura del locale; imposta anzi una temperatura non inferiore ai 5 o 6 gradi rispetto a quella esterna, per non creare sbalzi termici poco salutari;
  • non dirigere il flusso d'aria direttamente sulle persone, per evitare malattie da raffreddamento; ciò può essere ottenuto posizionando le alette di uscita dell'aria parallele al soffitto;
  • non ostruire il flusso d'aria in uscita e in entrata dell'apparecchio, cioè nella zona dove sono situati i filtri dell'aria;
  • pulisci periodicamente i filtri dell'aria – almeno una volta al mese, ma anche più spesso, se il condizionatore è sempre acceso - per avere un ambiente con meno polveri, acari, pollini ed altro;
  • evita che gli apparecchi siano colpiti direttamente dai raggi del sole ed installali lontano dalle fonti di calore;
  • tieni ben chiuse le finestre, meglio ancora se queste hanno i doppi vetri, per non sprecare energia;
  • al momento dell'acquisto, privilegia un classe di consumo energetico alta: A, B o C;
  • verifica che il regolamento condominiale consenta l'installazione sulle pareti esterne dei condizionatori e concorda comunque prima l'installazione stessa col condominio e coi vicini, per prevenire liti.
Come funziona

Il condizionatore è composto da un'unità interna ed una esterna. Un gas refrigerante – presente in una serpentina - viene scambiato tra un'unità e l'altra: assorbe calore dall'interno e lo rilascia verso l'esterno. Una pala, muovendo l'aria, la fa passare attraverso la serpentina e in questo modo avviene lo scambio di calore. L'aria calda dell'esterno viene raffreddata mentre entra ed una quantità uguale di aria viene espulsa. L'aria, passando attraverso un filtro, viene anche depurata.

Alcuni tipi particolari di condizionatore, detti a pompa di calore, oltre a raffreddare l'aria in estate, in inverno possono anche riscaldare, invertendo il ciclo di funzionamento.

Le alternative

La temperatura percepita dal corpo dipende da una combinazione di tre elementi: la temperatura dell'aria, l'umidità relativa e la velocità dell'aria. Agendo sulle seconde due, si può ottenere il comfort estivo, con minori pericoli per la salute e minori consumi di energia.

Specialmente per gli anziani e i bambini, gli sbalzi di temperatura prodotti dai condizionatori possono risultare dannosi, e perciò sono da preferire due possibili alternative:

  • il ventilatore, che può essere da tavolo, da terra o da soffitto; muovendo l'aria, diminuisce la temperatura percepita, ma non va indirizzato direttamente sul corpo;
  • il deumidificatore, presente come funzione aggiuntiva anche in alcuni condizionatori: abbassa la temperatura percepita riducendo l'umidità presente nell'aria, e consuma decisamente meno.