Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

11 DIC
Almanacco
Registrati

Come scegliere il frigorifero

Casa In questo Canale:

Come scegliere il frigorifero

Quando si sceglie il frigorifiero, bisogna curare che sia abbastanza capiente per andare incontro alle esigenze di tutta la famiglia, ma anche economico e libero dai cattivi odori. I nostri consigli per sceglierlo, per prevenirne i guasti e tenerlo sempre pulito

​​Il frigorifero ideale: abbastanza capiente per andare incontro alle esigenze di tutta la famiglia, ma anche economico e libero dai cattivi odori. Ecco qualche consiglio per scegliere il nostro elettrodomestico, per prevenirne i guasti e per tenerlo sempre pulito.

I tipi di frigorifero

Un buon prodotto dura anche dieci anni, ma se in casa abbiamo ancora il caro vecchio frigorifero, è arrivato il momento di sostituirlo. In commercio infatti si trovano elettrodomestici di nuova generazione che consentono di risparmiare sulla bolletta elettrica: sono quelli di classe A, oppure A+, oppure ancora A++. La classe energetica dipende appunto dai Kilowatt (Kw) usati dall’elettrodomestico in un anno. Sono frigoriferi di classe A quelli che consumano annualmente dai 263 ai 344 Kw; quelli di classe A+ invece ne consumano dai 188 ai 263; quelli di classe A++ infine ne consumano meno di 188. Nella Legge finanziaria è prevista una detrazione del 20% sulle spese sostenute per la sostituzione di vecchi frigoriferi e congelatori con elettrodomestici di nuova generazione.

Le soluzioni ai problemi più frequenti

Se si forma una strana condensa o se alcune parti del frigorifero si surriscaldano, dobbiamo controllare la posizione dell’elettrodomestico, la guarnizione e il termostato. Il frigorifero infatti deve essere posizionato a 10 centimetri di distanza dalla parete e in modo tale che il peso sia distribuito equamente su tutti i piedini, così che il suo "sforzo" energetico sia minimo. È possibile anche che sia banalmente rimasta aperta la porta, in questo caso si consiglia di pulire e se necessario sostituire la guarnizione che garantisce la chiusura ermetica del frigo. Per quanto riguarda la temperatura interna dell’elettrodomestico, il suggerimento è di regolare il termostato sui 3-4 gradi.    

Pulire il frigorifero

Per pulire a fondo il nostro elettrodomestico, per prima cosa occorre staccarne la spina e sistemare gli alimenti che abbiamo nel congelatore in alcuni recipienti termici, così da poterlo sbrinare. A questo punto, facendo attenzione all’acqua che potrebbe colare a terra, dobbiamo asportare tutti i cassetti e i ripiani per lavarli sotto l’acqua corrente e pulire il resto del frigo con un panno umido imbevuto con un po’ d’acqua e bicarbonato. Prima di rimettere tutto a posto infine si consiglia di asciugare il frigorifero con un panno asciutto.

Eliminare i cattivi odori

Se aprendo la porta del frigorifero pulito ci accorgiamo che si sente ancora un cattivo odore, forse dovuto a una verdura particolare che stiamo conservando al fresco, è arrivato il momento di sfruttare la potenza dell’aceto. Se ne fa scaldare un po’, si versa il liquido in un contenitore e lo si lascia raffreddare su un ripiano libero. L’operazione infatti, ripetuta anche più volte se necessario, elimina i cattivi odori.