Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

15 DIC
Almanacco
Registrati

Bonus mobili ed elettrodomestici

Casa In questo Canale:

Bonus mobili ed elettrodomestici

A proposito di:

Il bonus mobili ed elettrodomestici è un agevolazione che permette di sfruttare una detrazione Irpef del 50 per cento sull'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

​​​​​​​​​Il bonus mobili ed elettrodomestici è l'agevolazione che offre la possibilità di usufruire di una detrazione Irpef finalizzata all’acquisto di grandi elettrodomestici e mobili destinati a immobili residenziali in fase di ristrutturazione con un tetto massimo di 10000 euro.

Grazie alla Legge di Stabilità, il bonus mobili ed elettrodomestici è stato prolungato anche per il 2016; anche per il 2016 permangono le modalità in seguito riportate, con possibilità di ampliamento per gli under 35.

Le giovani coppie, sposate o conviventi che abbiano costituito nucleo da almeno 3 anni e di cui almeno uno dei due componenti non abbia ancora compiuto 35 anni, possono beneficiare dello sgravio dedicato ai mobili con un tetto massimo di 16mila euro anche senza dover effettuare lavori di ristrutturazione ma solo tramite l'acquisto di un'unità abitativa destinata a diventare l'abitazione principale della coppia.

Novità per il 2017

Secondo il Documento Programmatico di bilancio del Governo, per il 2017 potrebbe essere previsto insieme ad altri provvedimenti un prolungamento dei termini del bonus mobili ed elettrodomestici. Tale proroga, però, andrà a beneficiare esclusivamente coloro che collegheranno gli acquisti a interv​enti di recupero edilizio con data d'inizio a partire dal 1° gennaio 2016.

Non è invece previsto, almeno secondo le prime anticipazioni, una proroga per il bonus under 35.

A chi spetta il bonus​ mobili ed elettrodomestici

Per usufruire del bonus, consistente in una detrazione Irpef pari al 50 per cento, è indispensabile rispettare alcuni criteri:

  • effettuare l’acquisto di beni nuovi, sia per quanto riguarda i mobili che gli elettrodomestici; l’acquisto dei beni deve essere effettuato nel periodo tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016;
  • gli elettrodomestici non devono appartenere a una classe energetica inferiore ad A+, A in caso di forni;
  • gli acquisti devono essere effettuati all’interno di un progetto di ristrutturazione edilizia iniziato in data successiva al 26 giugno 2012.

Tutte le attività di ristrutturazione possono essere effettuate sia su parti comuni di edifici che su singole unità abitative, entrambe appartenenti alla categoria residenziale. Con il termine “ristrutturazione”, s’intendono anche interventi di ricostruzione e ripristino di immobili in seguito a calamità purché per essi sia stato dichiarato lo stato d’emergenza mentre, per quanto riguarda la manutenzione ordinaria, è necessario che essa avvenga su parti comuni di stabili.

​Quali sono gli elettrodomestici che rientrano nel bonus

Gli elettrodomestici che possono beneficiare del bonus sono:

apparecchi dedicati al riscaldamento, asciugatrici, condizionatori, congelatori, forni a microonde, frigoriferi, lavatrici, piastre elettriche, stufe elettriche, etc.

Come fare per usufruire del bonus ​mobili ed elettrodomestici

Per poter sfruttare il bonus mobili ed elettrodomestici è indispensabile effettuare il pagamento attraverso bonifico bancario o postale, esattamente come accade già per le agevolazioni relative alle ristrutturazioni. In ogni bonifico effettuato, va indicato:


  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione Irpef;
  • la causale del versamento utilizzata nei lavori di ristrutturazione agevolati;
  • il numero di partita Iva o codice fiscale del beneficiario del bonifico.

In alternativa, il pagamento può essere effettuato anche tramite carte di credito e bancomat mentre non è valevole al fine della detrazione quello effettuato con assegno o altro tipo di versamento.