Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

19 OTT
Almanacco
Registrati

Le agevolazioni per l'acquisto della prima casa

Casa In questo Canale:

Le agevolazioni per l'acquisto della prima casa

A proposito di:

Quando si acquista una casa col mutuo, è possibile detrarre dall'Irpef il 19 per cento degli interessi passivi e degli oneri accessori. Se si tratta di abitazione principale, cioè la prima casa, l'importo massimo su cui calcolare la detrazione è di 4.000 euro

​Le agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa riguardano l'imposta di registro ridotta al 3 per cento, se si acquista da un privato, e l'aliquota agevolata dell’Iva al 4 per cento, se si acquista da una ditta costruttrice.

I requisiti richiesti per usufruire delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa sono:

  • residenza o svolgimento di attività lavorativa nel comune in cui è sito l’immobile;
  • non possedere altro immobile da adibire ad abitazione principale nello stesso comune;
  • l’immobile non deve essere considerato bene di lusso;
  • non possedere altro immobile in tutto il territorio nazionale acquistato con i benefici prima casa.
  • Inoltre l’immobile non può essere venduto prima di 5 anni, pena la perdita delle agevolazioni, a meno di acquistare una altra casa da adibire ad abitazione principale.

Con la risoluzione 142/E del 4 giugno 2009, l'Agenzia delle entrate chiarisce che le agevolazioni fiscali spettanno anche a coloro che decidono di ampliare la prima casa con un immobile adiacente. Gli alloggi devono però essere accorpati in un’abitazione unica.

La detrazione del mutuo

Un altro tipo di facilitazione che il fisco concede a chi acquista un immobile da destinare ad abitazione principale, è quello della possibilità di detrarre dall'Irpef il 19 per cento degli interessi passivi pagati per un eventuale mutuo ipotecario.

Il contribuente, quando fa la dichiarazione dei redditi, può recuperare tale cifra dall'imposta lorda, fino ad un massimo di 4 mila euro annui.