Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Gli affitti agevolati

Casa In questo Canale:

Gli affitti agevolati

A proposito di:

Gli affitti agevolati sono dei contratti con canoni più bassi rispetto al mercato, concordati dalle associazioni di proprietari e di inquilini, tramite accordi che fissano tariffe di riferimento su base territoriale

​Gli affitti agevolati, sono dei contratti con canoni più bassi rispetto al mercato, concordati dalle associazioni di proprietari e di inquilini.

I contratti di locazione agevolati possono essere stipulati:

  • nei comuni per i quali siano stati sottoscritti accordi territoriali sulla base del precedente decreto ministeriale del 5 marzo 1999. Il decreto prevede l’aggiornamento delle fasce di oscillazione previste da tali Accordi sulla base dell'intera variazione Istat intercorsa fra il mese successivo alla data di sottoscrizione degli Accordi in questione e il mese precedente la stipula del nuovo, singolo contratto di locazione;
  • in tutti gli altri comuni non interessati agli accordi, per stabilire i canoni dei nuovi contratti possono essere presi a riferimento le tariffe stabilite per il Comune vicino nel quale sia vigente un Accordo sottoscritto sulla base del d.m. 30.12.'02. Tale Comune va individuato tenendo conto della dimensione demografica prossima a quella del Comune carente di accordo e della minor distanza; può trattarsi di Comune, Provincia o Regione.

Le parti contrattuali devono, in ogni caso, adottare obbligatoriamente i nuovi tipi di contratto allegati al d.m. 30.12.02 (immodificabili) e la relativa Tabella oneri accessori (pure immodificabile). I canoni saranno incrementabili ogni anno del 75% della variazione Istat, purché tale adeguamento venga indicato nel contratto.

Il decreto, sottolinea la Confedilizia, riguarda esclusivamente i contratti agevolati: restano esclusi sia i contratti transitori sia i contratti per studenti universitari.