Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

14 DIC
Almanacco
Registrati

Storia dell'assistenza sociale in Italia

Assistenza Sociale In questo Canale:

Storia dell'assistenza sociale in Italia

A proposito di:

L’assistenza sociale in Italia ha una lunga e importante storia, che ha inizio con l’Unità e arriva fino ai giorni nostri. Ecco quali sono stati i passaggi più importanti, dalle "congregazioni di carità" all'istituzione delle Regioni, fino alle ridefinizione delle competenze dei vari attori

​​​​​​​​L’assistenza sociale in Italia ha una lunga e importante storia, che ha inizio con l’Unità e arriva fino ai giorni nostri, con le ultime direttive introdotte con la legge sul Federalismo. Vediamo di seguito i passaggi più importanti. 

Con l'Unità d'Italia, si costituì un'organizzazione amministrativa del Paese centralizzata, nella quale i Comuni, individuati dallo Statuto Albertino (1814) quali "terminali periferici", avevano un'amministrazione autonoma ed erano articolati in prefetture e province.

Nel campo dell'assistenza, nel 1862 furono istituite le "congregazioni di carità", i primi organi dell'assistenza generica nei confronti dei bisognosi, territorialmente coincidenti con i Comuni, che ne nominavano gli amministratori. Accanto alle congregazioni, secondo un'antica tradizione rafforzata dall'emergere del bisogno sociale, svolgevano attività assistenziali le associazioni e le organizzazioni private, le Società di mutuo soccorso, la rete assistenziale della Chiesa e le Ipab, le Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza. 

Successivamente, nei primi del Novecento, fu privilegiato lo sviluppo di grandi Enti assistenziali statali, a discapito di quelli comunali: nel periodo 1925-1970, si arrivò a circa 50 mila unità operanti nell'assistenza nazionale.

Questa tendenza si invertì dopo l'istituzione delle Regioni: con le leggi del 1972 e del 1977, molte competenze in materia assistenziale furono decentrate e il ruolo dei Comuni fu potenziato, seguendo una decisa politica territoriale dei servizi sociali basata sui bisogni e sulla domanda della collettività locale.

I principi di fondo

Il primo processo di politiche sociali innovative si è svolto sulla base di alcuni presupposti e principi di fondo, quali: la riorganizzazione del territorio in ambiti territoriali adeguati; la programmazione degli interventi in base alle caratteristiche e ai bisogni della popolazione; l'integrazione dei servizi sanitari con quelli sociali; la partecipazione attiva nei servizi degli utenti e dei cittadini. 

In questo contesto, il ruolo dei Comuni è diventato sempre più importante: sono questi enti che realizzano, organizzano e gestiscono i servizi sociali, secondo le indicazioni elaborate a livello regionale. La "Carta europea delle autonomie locali", sottoscritta a Strasburgo il 15 ottobre 1985 e tradotta nella Legge n. 439 del 1989, rappresenta la base fondamentale per lo sviluppo delle politiche sociali. Essa introduce principi basilari, quali:

  • la sussidiarietà, cioè la necessità di rispondere ai bisogni delle collettività locali;
  • la cooperazione, intesa come la capacità degli enti locali di associarsi fra loro per la tutela e la promozione dei loro comuni interessi e per la gestione associata dei servizi;
  • l'auto-organizzazione, nel senso di capacità propria nella scelta della struttura amministrativa più idonea allo svolgimento delle funzioni. 

Questi punti sono stati concretizzati nel sistema integrato di interventi e di servizi sociali, definito con la Legge quadro di riforma dell'assistenza (varata nel novembre 2000 dopo ben 110 anni dalla prima "legge Crispi") ed il Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003. Gli interventi sociali devono garantire il miglioramento della qualità della vita, pari opportunità e non discriminazione delle condizioni di disabilità, di bisogno e di disagio individuale derivanti da difficoltà economiche, sociali o fisiche. Le Regioni e i Comuni devono dunque monitorare i bisogni delle comunità locali e pianificare risposte adeguate, che coinvolgano tutte le parti: le istituzioni, il terzo settore e la fitta rete di solidarietà sociale. 

Le competenze

Con l’introduzione del federalismo, le competenza nella gestione diretta dei servizi sociali sono stati affidati in via esclusiva alle Regioni, per quel che riguarda la produzione di norme, e agli enti locali, per la concreta gestione dei servizi. Al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali rimangono le competenze in materia di definizione degli standard di soddisfacimento dei diritti sociali, attraverso il sistema dei livelli essenziali delle prestazioni, e una funzione di monitoraggio e valutazione delle politiche sociali. 

Dal 2004 sono state avviate attività di monitoraggio sullo stato di avanzamento nella costruzione dei sistemi integrati dei servizi a livello regionale, che si realizzano con la presentazione della mappatura delle norme regionali dei servizi sociali, dei piani sociali regionali, con il monitoraggio e la promozione di alcune innovazioni nell’organizzazione dei servizi, come quelle riguardanti la porta sociale. 

La spesa sociale, inoltre, è monitorata da una banca dati gestita in collaborazione con l’Istat, relativa al sistema dei trasferimenti economici di natura assistenziale. Partecipano all’indagine sulla spesa sociale i Comuni: anche qui in partnership con l’Istat, con il ministero dell’Economia e delle Finanze e con le Regioni. 

Sul sito del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, è possibile leggere e scaricare tutti i documenti pubblicati relativi agli studi e ai rapporti realizzati sulla situazione dell'assistenza in Italia.


​Per saperne di più​: Storia dell'assistenza sociale