Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

14 DIC
Almanacco
Registrati

I Centri Diurni

Assistenza Sociale In questo Canale:

I Centri Diurni

A proposito di:

I Centri Diurni, o strutture semiresidenziali, sono aperti almeno sei-otto ore al giorno e offrono vari servizi di natura socio-assistenziale agli anziani disabili, con l'obiettivo di aiutarli a mantenere la propria autonomia e a continuare a vivere nella propria casa

​​I Centri Diurni, detti anche strutture semiresidenziali, sono strutture aperte almeno sei-otto ore al giorno, che offrono vari servizi di natura socio-assistenziale agli anziani. L'obiettivo è quello di aiutare le persone anziane disabili a mantenere la propria autonomia e a vivere nella propria casa. Gli utenti possono usufruire dell'ospitalità e dei servizi del centro per una parte della loro giornata.

Il Centro Diurno è indicato per l’anziano che presenta due condizioni: disabilità grave e disagio sociale.

Le caratteristiche richieste

In base alle indicazioni del Ministero della salute, oltre ad essere privi di barriere architettoniche, gli spazi interni del Centro devono facilitare l’orientamento e l’accesso ai servizi igienici e favorire l’attività fisica, sia all’interno (palestre, spazi per l’attività motoria), sia all’esterno (giardini anche terapeutici e utilizzabili per attività di giardinaggio). Inoltre, queste strutture dovrebbero trovarsi nei centri abitati, a poca distanza da punti di riferimento sociali, quali chiese, mercati e piazze, ed essere facilmente raggiungibili dai parenti degli ospiti, in modo da non dare all’anziano l’idea dell’allontanamento e dell’isolamento.

Le figure professionali presenti nel Centro Diurno sono tipicamente: infermiere; fisioterapista; terapista occupazionale; animatore/educatore; operatore socio assistenziale.

I requisiti per accedere

Per essere ammessi ad un Centro Diurno, bisogna avere caratteristiche simili a quelle relative all’ammissione in Residenza Sanitaria Assistenziale (Rsa), bisogna cioè avere riconosciuta la condizione di non autosufficienza. L’anziano idoneo al Centro Diurno deve però poter contare, al proprio domicilio, su un’assistenza adeguata per il periodo notturno.

I servizi offerti

Assistenza di carattere sociale. Oltre all’assistenza alla persona (igiene personale, bagno assistito) devono essere garantite:

  • attività motoria programmata;
  • attività di animazione e di socializzazione, iniziative socioculturali, supporto sociale;
  • attività formative-educazionali, rivolte ai familiari e ai caregiver sulle modalità di assistenza all’anziano.

Assistenza di carattere sanitario:

  • assistenza infermieristica (somministrazione di terapie, misurazione della pressione, gestione del catetere, ecc.);
  • riabilitazione (fisiokinesiterapia, terapia occupazionale);
  • assistenza medica garantita dal medico di medicina generale;
  • servizio podologico;
  • protocolli riguardanti il ricorso alla contenzione fisica concordati fra i vari operatori.

Assistenza di carattere preventivo:

  • il Centro Diurno non deve avere soltanto finalità di cura, né tantomeno di custodia, dovendo preparare e attuare programmi formali di prevenzione, riguardanti, ad esempio, vaccinazioni e prevenzione di sindromi geriatriche quali le cadute, l’incontinenza urinaria, la malnutrizione, il decondizionamento fisico, le lesioni da pressione, la depressione ecc.

In molte regioni italiane, sono stati istituiti i Centri Diurni Alzheimer, rivolti prevalentemente a persone anziane affette da sindromi demenziali con elevato decadimento, accompagnato anche da disturbi comportamentali.