Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

17 OTT
Almanacco
Registrati

Agenzia funebre, come sceglierla

Assistenza Sociale In questo Canale:

Agenzia funebre, come sceglierla

A proposito di:

agenzia funebre
Quando è il momento del dolore e del lutto, non si va troppo per il sottile e il risparmio passa n secondo piano. È questo il fattore su cui puntano gli operatori di agenzia funebre meno corretti, per approfittarsi della situazione. Ecco i consigli per compiere le scelte più consapevoli

Scegliere un'agenzia funebre quando uno dei propri cari viene a mancare è un compito doppiamente gravoso. Si colloca infatti in un momento difficile, dal punto di vista emotivo e, proprio per questo motivo, si è più esposti a gonfiamenti dei prezzi, speculazioni, in qualche caso raggiri. Nella scelta pesa anche un certo scrupolo a risparmiare in un momento così cruciale per la memoria della persona estinta, come se si rischiasse di mancarle rispetto. Ecco dunque qualche consiglio per effettuare la scelta migliore dell'agenzia funebre.

Come trovarla

Nelle ore successive al decesso è frequente che qualcuno si offra spontaneamente per indicare il nominativo di un'impresa o agenzia funebre, come ad esempio:

  • persone fuori dall'ospedale o dalla casa di cura dove è avvenuto il decesso;
  • qualcuno vicino all'ingresso degli uffici comunali dove ci si reca per segnalare il decesso;
  • direttamente dagli addetti delle strutture ospedaliere o dell'amministrazione comunale;
  • tramite telefonate a casa.

Ciò rappresenta di solito una violazione, perché la morte di una persona è protetta da privacy e pertanto nessuno dovrebbe essere al corrente di quanto accaduto, al di fuori ovviamente della stretta cerchia dei parenti e degli amici.

Eventuali convenzioni tra l'impresa funebre e la struttura ospedaliera in genere sono inventate. Possono essere invece fondate le convenzioni con l'amministrazione comunale, ma bisogna venirne a conoscenza solo dopo che ne è stata fatta esplicita richiesta al Comune stesso. In alcuni Comuni esiste un servizio funebre pubblico, gestito direttamente dall'Amministrazione o da una società municipalizzata, che consente di usufruire di prezzi controllati, senza rinunciare agli standard di qualità medi.

Il modo più semplice per cercarla è di digitare su Google "agenzia funebre" seguito dal nome della città e vare più telefonate per avere i preventivi, possibilmente via email.

Come valutarla

Nel momento in cui si viene a contatto con un'impresa, vanno adottati i criteri validi per qualsiasi altro acquisto, ovvero valutare la serietà, la competenza, la professionalità dimostrate dalle persone con cui si entra in contatto.

L'elemento più importante da considerare è la presenza di un contratto scritto, nel quale siano dettagliate le varie voci di spesa. Senza questo requisito, è meglio lasciar perdere, perché significa che l'impresa non è seria. Dunque non bisogna accettare cifre totali senza ulteriori specifiche. Deve essere chiaro sin dall'inizio quali servizi sono inclusi nel prezzo e quali sono esclusi e l'eventuale specifiche delle spese accessorie che l'agenzia anticipa per conto del cliente (diritti comunali, dei costi di cremazione, dei diritti cimiteriali). Di tutte queste ultime, senza eccezioni, l'impresa dovrà fornire i giustificativi.

Altri tre elementi che distinguono un'impresa funebre seria, rispetto a quelle che vanno evitate sono i seguenti:

  • non chiede acconti ma solo il pagamento a servizio erogato;
  • emette regolare ricevuta fiscale o fattura per l'intero importo;
  • non chiede soldi in contanti ma accetta pagamenti tramite bonifico bancario, carta di credito o assegno intestato all'impresa stessa.