Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

23 OTT
Almanacco
Registrati

Forme di assicurazioni complementari

Assicurazioni In questo Canale:

Forme di assicurazioni complementari

A proposito di:

Le coperture complementari sono estensioni di garanzia finalizzate a potenziare la portata previdenziale della polizza base e possono essere suddivise in due tipi: complementari in senso stretto e abbinate

​Le coperture complementari sono estensioni di garanzia finalizzate a potenziare la portata previdenziale della polizza base; possono essere suddivise in due tipi: complementari in senso stretto e abbinate. Le prime completano la garanzia principale e si rivolgono al medesimo evento (la morte) offrendo ulteriori importi alle coperture qualora la causa dell’evento sia di natura particolare. Tra queste:

  • l’assicurazione complementare per il caso di morte accidentale: prevede il raddoppio del capitale garantito nel caso in cui il decesso sia dovuto a causa accidentale (fortuita), violenta ed esterna; in alcuni casi può essere prevista la triplicazione del capitale a fronte di decesso conseguente ad incidente stradale;
  • l’assicurazione complementare per il caso di invalidità permanente: la perdita totale e permanente della capacità lavorativa, che può prevedere l’esonero dal pagamento dei premi non ancora scaduti e/o l’erogazione di una rendita temporanea sino al termine del differimento e/o l’anticipazione del capitale assicurato per il caso morte.

Quelle abbinate, invece, aggiungono alla polizza una garanzia di tipo diverso rendendo la copertura più completa. Tra queste:

  • la long term care (Ltc) abbinata ad una rendita vitalizia rivalutabile immediata: prevede l’erogazione immediata di una rendita di base ed il raddoppio di quest’ultima nel caso in cui l’assicurato perda la propria autosufficienza;
  • la long term care (Ltc) abbinata ad una rendita vitalizia rivalutabile differita: prevede l’erogazione di una rendita base al termine del periodo di differimento;
  • la dread disease (Dd) in forma anticipativa, che prevede l’impegno dell’assicuratore, nel caso in cui l’assicurato venga colpito da una delle malattie gravi previste dal contratto durante il periodo di validità della copertura di base per il caso morte, ad erogare un capitale che costituisce una sola anticipazione della somma assicurata per il caso morte; in tal caso la Dd si estingue e la copertura per il caso morte resta operante, nei termini temporali previsti, solo per la differenza tra il capitale garantito e quanto anticipato;
  • la dread disease (Dd) in forma aggiuntiva che non comporta alcuna riduzione del capitale garantito per il caso morte.

Articolo a cura di Mizar Brokers