Informativa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare a te pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

12 DIC
Almanacco
Registrati

La causa fortuita, violenta ed esterna

Assicurazioni In questo Canale:

La causa fortuita, violenta ed esterna

A proposito di:

L’evento è un qualsiasi fatto in grado di provocare l’infortunio e può verificarsi in una gamma illimitata di situazioni a partire da una semplice caduta ad un incidente stradale, da un urto ad un’aggressione

​L’evento è un qualsiasi fatto in grado di provocare l’infortunio e può verificarsi in una gamma illimitata di situazioni a partire da una semplice caduta ad un incidente stradale, da un urto ad un’aggressione, ecc. Perché la garanzia infortuni sia operante, non è sufficiente che si sia semplicemente verificato l’evento, ma è necessario che quest’ultimo sia dovuto a causa “fortuita”, “violenta” ed “esterna”.



  • Fortuita significa che ciò che provoca l’infortunio deve essere totalmente indipendente dalla volontà della persona che lo subisce anche se quest’ultima per distrazione o negligenza, può aver contribuito al verificarsi dell’evento.

  • Violenta non vuol dire che l’evento debba necessariamente essere violento (anche una puntura di insetto è di per sé violenta), bensì che l’azione che provoca la lesione deve essere improvvisa e repentina attraverso un fatto concentrato in un preciso momento facilmente individuabile.

  • Esterna sta a significare che la causa deve trovare origine all’esterno dell’organismo e da non confondersi con processi morbosi che si sviluppano all’interno dello stesso, ancorché in modo fortuito e violento (ad esempio l’infarto).

Articolo a cura di Mizar Brokers